HomePod, flop di vendite e Apple taglia i prezzi

Sembra proprio che HomePod non voglia saperne di conquistare il mercato, superata da concorrenti molto più agguerriti ed economici. E così, Apple è stata costretta ad abbassarne il prezzo di 50$: ma basterà?

Parliamo di

Secondo una ricerca di Consumer Intelligence Research Partners (CIRP), nel 2018 HomePod è riuscito a ritagliarsi un misero 6% del mercato degli smart speaker statunitensi. Su un totale di 66 milioni di smart speaker smerciati, infatti, Apple non ha superato i 3.96 milioni di unità. Uno smacco totale, se consideriamo la popolarità di cui gode il marchio negli USA, ed ecco perché non sorprenda che il prezzo sia stato abbassato di 50$.

I due prodotti su cui Apple non guadagna (anzi, ci rimette)

Tutt’altra storia quando parliamo della concorrenza. Amazon Echo e Google Home infatti si sono spartiti rispettivamente il 70% e il 24% del mercato, grazie ad una politica di prezzi decisamente più variegata e inclusiva (e sconti ciclici che rendono Alexa molto più economica di Siri). Fino ad oggi, infatti, HomePod costava la bellezza di 349$ più tasse, ed era disponibile solo in USA, UK, Australia, Canada, Francia, Germania, Spagna, Messico, Cina e Hong Kong; un prezzo elevato, a fronte di una diffusione ancora molto scarsa. Ecco perché a Cupertino hanno deciso -e non capita spesso- di calarne il prezzo e portarlo a 299€.


D’altro canto, grazie alle Offerte di Primavera, gli speaker Amazon sono in promozione speciale:

Con cifre del genere in ballo, non sorprende che gli utenti abbiano boicottato Apple in massa per tradirla coi competitor; ed ecco perché perfino a Cupertino stanno seriamente pensando di tirar fuori una versione low cost di HomePod, perché guardiamo in faccia la realtà: non ci sono dubbi sul fatto che a livello di qualità e funzionalità, HomePod costituisca un altro pianeta rispetto ad un Echo Dot. Coi suoi 7 microfoni, audio ad alta fedeltà e sofisticate tecnologie di machine learning per adattare i suoni alla conformazione della stanza, è il non plus ultra che il mercato abbia da offrire.

Ma alla fine, l’utente medio ha bisogno solo di spegnere qualche lampadina, accendere i riscaldamenti o avviare un timer. E per questo scopo -parliamo per esperienza diretta- un aggeggio da 30€ è più che adeguato.

Ti potrebbe interessare
Il nuovo iPod nano incastonato in una VMU del Dreamcast
iPod

Il nuovo iPod nano incastonato in una VMU del Dreamcast

I giapponesi hanno una passione sfrenata per il modding, soprattutto quello nostalgico che incrocia nuovi prodotti con vecchi dispositivi, riportandoli a nuova vita.Dopo aver visto un iPad incastonato in un iBook e in un Macintosh Classic, dal Giappone arriva anche questo modding realizzato con un iPod nano di sesta generazione ed una VMU ( Visual

iPhone 4: Prezzi superiori a quelli della precedente generazione
iPhone

iPhone 4: Prezzi superiori a quelli della precedente generazione

La Francia è una delle cinque nazioni in cui da oggi è possibile ordinare il nuovo iPhone 4. Sull’Apple Store francese sono quindi comparsi i prezzi dei modelli da 16 e 32 GB rispettivamente a 629 e 739 €.I prezzi sono superiori rispetto alle analoghe versioni della precedente generazione, probabilmente anche a causa del recente

Flurry: iPhone OS 3.2 e applicazioni iPhone sul Tablet Apple
iPhone

Flurry: iPhone OS 3.2 e applicazioni iPhone sul Tablet Apple

Grazie ai dati raccolti negli ultimi mesi, la società di analisi e statistica Flurry Analytics conferma non soltanto che a Cupertino stiano segretamente lavorando ad un nuovo dispositivo, ma anche che quest’ultimo monti iPhone OS 3.2 e non il 4.0, il che significa rilascio immediato. Quelle che seguono rappresentano senza dubbio le più credibili ed

Tap Tap Revenge 3: superati i 2 milioni di download
iPod touch

Tap Tap Revenge 3: superati i 2 milioni di download

Tapulous ha annunciato d’aver superato, in meno di due settimane, quota 2 milioni di download per il gioco Tap Tap Revenge 3 (link iTunes). Il gioco, che ora domina il rank di popolarità in App Store, fu inizialmente lanciato a sh,99 (€0,79). L’ultimo aggiornamento elimina direttamente il prezzo, consentendo agli utenti di scaricarlo gratuitamente.Piuttosto che

Feedback Blogo 2008 – come vorreste i nostri blog?
iPhone

Feedback Blogo 2008 – come vorreste i nostri blog?

Cari lettori, è con grande piacere e con un po’ di apprensione che lanciamo oggi su tutto il network questo post di comunicazione con voi, che ormai siete un numero mostruoso di oltre cinquecentomila persone ogni giorno. Stamattina vogliamo sapere cosa ne pensate dei blog di Blogo: cosa vi piace e cosa non vi piace,

Pronto Apple Final Cut Studio Universal
Software Apple

Pronto Apple Final Cut Studio Universal

Una notizia importante per gli utenti professionali. Final Cut Studio (che contiene Final Cut Pro, Motion, Soundtrack Pro e DVD Studio Pro) è finalmente disponibile in versione Universal. O almeno lo è sullo store statunitense, ma probabilmente per quello italiano sarà una questione di qualche giorno al massimo. Ora le applicazioni della suite potranno girare