HomePod, flop di vendite e Apple taglia i prezzi

Sembra proprio che HomePod non voglia saperne di conquistare il mercato, superata da concorrenti molto più agguerriti ed economici. E così, Apple è stata costretta ad abbassarne il prezzo di 50$: ma basterà?

Parliamo di

Secondo una ricerca di Consumer Intelligence Research Partners (CIRP), nel 2018 HomePod è riuscito a ritagliarsi un misero 6% del mercato degli smart speaker statunitensi. Su un totale di 66 milioni di smart speaker smerciati, infatti, Apple non ha superato i 3.96 milioni di unità. Uno smacco totale, se consideriamo la popolarità di cui gode il marchio negli USA, ed ecco perché non sorprenda che il prezzo sia stato abbassato di 50$.

I due prodotti su cui Apple non guadagna (anzi, ci rimette)

Tutt’altra storia quando parliamo della concorrenza. Amazon Echo e Google Home infatti si sono spartiti rispettivamente il 70% e il 24% del mercato, grazie ad una politica di prezzi decisamente più variegata e inclusiva (e sconti ciclici che rendono Alexa molto più economica di Siri). Fino ad oggi, infatti, HomePod costava la bellezza di 349$ più tasse, ed era disponibile solo in USA, UK, Australia, Canada, Francia, Germania, Spagna, Messico, Cina e Hong Kong; un prezzo elevato, a fronte di una diffusione ancora molto scarsa. Ecco perché a Cupertino hanno deciso -e non capita spesso- di calarne il prezzo e portarlo a 299€.


D’altro canto, grazie alle Offerte di Primavera, gli speaker Amazon sono in promozione speciale:

Con cifre del genere in ballo, non sorprende che gli utenti abbiano boicottato Apple in massa per tradirla coi competitor; ed ecco perché perfino a Cupertino stanno seriamente pensando di tirar fuori una versione low cost di HomePod, perché guardiamo in faccia la realtà: non ci sono dubbi sul fatto che a livello di qualità e funzionalità, HomePod costituisca un altro pianeta rispetto ad un Echo Dot. Coi suoi 7 microfoni, audio ad alta fedeltà e sofisticate tecnologie di machine learning per adattare i suoni alla conformazione della stanza, è il non plus ultra che il mercato abbia da offrire.

Ma alla fine, l’utente medio ha bisogno solo di spegnere qualche lampadina, accendere i riscaldamenti o avviare un timer. E per questo scopo -parliamo per esperienza diretta- un aggeggio da 30€ è più che adeguato.

Ti potrebbe interessare
Jailbreak, un hack abiliterà Chat Heads su Facebook
Tutorial

Jailbreak, un hack abiliterà Chat Heads su Facebook

Facebook 6.0 per iOS ha portato un gran numero di novità, come ad esempio le Chat Heads per chiacchierare con gli amici da qualunque schermata dell’app. In linea teorica, la cosa non è ancora stata ufficialmente attivata, ma un hack l’abilita in pochi secondi.

Adobe: “gli utenti vogliono Flash. Possiamo provarlo”
iPad iPhone

Adobe: “gli utenti vogliono Flash. Possiamo provarlo”

[Image Courtesy of LarimdaME]Dopo promesse infrante, battibecchi sulla questione iPad, e vaticini su improbabili prestazioni, siamo giunti ad un nuovo episodio della serie Apple Adobe, e quest’ultima giura e spergiura che gli utenti vogliono Flash sui propri iPhone, iPod touch ed iPad. E può pure provarlo.Dopo anni di deludenti prestazioni su piattaforma Mac, se non

NewsFire disponibile in versione gratuita
Software Apple

NewsFire disponibile in versione gratuita

NewsFire, il feedreader creato da David Watanabe, è disponibile da ieri in versione completamente gratuita:Dopo una discussione interna, ho deciso di rendere gratutito NewsFire. Nessuna restrizione, nessuna pubblicità, nessuna versione “light” con meno feature.. questo è il veroè quanto ha dichiarato Watanabe a riguardo.Sulla scia di NetNewsWire, già reso disponibile per il download gratuito più

Svelati Apple iLife ’06 e Apple iWeb
Software Apple

Svelati Apple iLife ’06 e Apple iWeb

Oggi alcuni navigatori hanno individuato, in una pagina statunitense di Apple dedicata a Garageband, dei link sospetti. Questi, infatti, rimandavano ai forum di iLife ’06, nuova versione (non ancora rilasciata) della suite multimediale della Mela. Tra i programmi erano elencati i componenti già noti: iPhoto, iMovie, iDVD, GarageBand e iTunes. Ma in prima posizione spiccava