Best Buy copia gli Apple Store

Best Buy si ispira ad Apple e lancia un progetto pilota di negozio fisico simile agli Apple Store. Più piccolo, minimalista e con tanto di Geek Squad, ovvero gli omologhi del Genius Bar.

Visti i risultati fiscali che vantano a Cupertino, la domanda non è come mai Best Buy abbia deciso ora di emulare Apple, ma perché, semmai, non l’abbia fatto prima. E così, cambio totale di strategia, e la catena d’elettronica di consumo statunitense punta tutto su qualità e competenze.

Best Buy non è diversa da tante altre realtà simili in Italia o nel resto del mondo. Schiere di computer stanno allineati dietro altrettante fila di frigoriferi, smartphone, lavatrici e così via; e nei weekend, le immancabili code alle casse, rese ancora più insopportabili dal frastuono generale e dalla consapevolezza che con un giretto online si sarebbe risparmiato di più e ci si sarebbe stressati nettamente meno.

Da qui l’idea di modificare il paradigma, e il passaggio alla filosofia del “Think Small,” mutuata direttamente da chi sul retail può fare scuola. Best Buy sta infatti per aprire un nuovo punto vendita in Minnesota, nei pressi del quartier generale della società, più piccolo del 20% rispetto alla media nazionale, ma molto più minimalista e à la page; alle HDTV, attualmente in crisi, sarà dedicato molto meso spazio, perché il grosso della visibilità andrà a tablet, eReader e smartphone, che invece si vendono da sé.

Infine, non sarà più necessario perdere delle ore alla ricerca dei commessi perduti, quelli perennemente impegnati in tutto fuorché nell’assistenza ai clienti: staranno tutti alla postazione Solution Central help desk, rimpinguata con gli specialisti della cosiddetta Geek Squad, ovvero l’equivalente Best Buy del Genius Bar.

Spariscono le casse come negli Apple Store; si può infatti comprare e pagare un po’ ovunque, basta solo chiedere ad un addetto. E la qualità (sulla base di customer satisfaction, vendite etc.) sarà premiata con bonus e incentivi sullo stipendio.

Se il progetto pilota si rivelerà un successo -ed è tutto da vedere-, la società conta di convertire ai nuovi canoni altri 100 punti vendita dei 1.450 che costituiscono la sua rete, e di chiuderne 50 di quelli classici.

Ti potrebbe interessare
Steve Wozniak racconta l’origine del nome Apple
iPhone

Steve Wozniak racconta l’origine del nome Apple

Uno dei più grandi misteri di Apple è proprio l’origine del nome della società fondata da Steve Jobs e Steve Wozniak nel 1976.Nel corso degli anni sono state fatte diverse ipotesi su cosa potesse aver ispirato Jobs, dalla mela di Adamo ed Eva al nome della casa discografica dei Beatles, passando per la celebre mela

Apple citata ancora per abuso della stessa fotografia
iPhone

Apple citata ancora per abuso della stessa fotografia

Apple è stata citata ancora una volta per abuso di una particolare fotografia. Louis Psihoyos, fotografo per il National Geographic e parte lesa, dichiara che Apple ha nuovamente infranto i diritti su una sua foto chiamata The Information Revolution, 500 Monitors, la quale mostra un uomo circondato da un muro curvo pieno di display. La

Nuovo iPod Touch e applicazione Nike+
iPod touch

Nuovo iPod Touch e applicazione Nike+

Durante l’Apple Event da poco conclusosi c’è stato spazio anche per l’iPod Touch. L’ultimo arrivato della gamma iPod è stato dotato di uno speaker interno e di tasti meccanici per il controllo volume. Oltre che per le feature citate, l’iPod Touch si avvicina al “cugino” iPhone anche per il case, di forma identica a quello

ATV4mac: trasformare il Mac in una Apple TV
iPhone

ATV4mac: trasformare il Mac in una Apple TV

ATV4mac è il freeware giusto per chi non possiede una Apple TV, ma desidera fruire dei contenuti multimediali, tramite il proprio Mac, nella maniera comoda e veloce che il media center di Apple permette. Ancora in pieno sviluppo e compatibile esclusivamente con Tiger (versioni 10.4.8 – 10.4.11), ATV4mac andrà a sostituire Front Row installato sulla

Sub-notebook: all’85% al MWSF, secondo Munster
iPhone

Sub-notebook: all’85% al MWSF, secondo Munster

Gene Munster, noto analista di Piper Jaffray, crede nel sub-notebook targato Apple. Ne aveva già parlato a novembre, analizzando i dati del 2007, lo ribadisce in questi giorni, fornendo le sue previsioni per il 2008.Munster ha individuato, mettendo assieme le indiscrezioni e i rumors che si sono susseguiti negli ultimi tempi, uno schema non nuovo

Walkman batte iPod (per una volta)
iPhone

Walkman batte iPod (per una volta)

La notizia, partita da Reuters, ha già fatto il giro della Rete, ma sono necessarie molte precisazioni. È vero, Sony ha detronizzato Apple ma solo nella sua patria (il Giappone), esclusivamente nel settore dei player flash, e per due mesi (maggio e giugno). Causa di questo exploit potrebbe essere la linea Network Walman Flash che,