Il supporto di Oculus Rift a Mac arriverà "quando Apple farà un computer buono"

palmer-luckey-mac.jpg

Oculus Rift, HTC Vive, PlayStation VR: il mondo è ormai pronto ad accogliere i visori di realtà virtuale, destinati ad arrivare nelle case dei giocatori nel corso dei prossimi mesi. Se il supporto al mondo Windows è garantito, quello all'ecosistema Mac è tutto da vedere. Ne ha parlato il fondatore di Oculus VR, Palmer Luckey, pronunciando parole che almeno a prima vista non faranno molto piacere ai fan di Apple:

"[Il supporto di Oculus Rift] dipende da Apple. Se produrranno un computer buono, lo faremo."

Nel dettaglio, la definizione di "computer buono" riguarda le specifiche hardware necessarie per supportare il visore, esigenti soprattutto in termini di scheda video. Per Palmer Luckey la filosofia di Apple non sarebbe attualmente in linea con la possibilità di Oculus VR di offrire il supporto al mondo Mac:

"La questione si riduce al fatto che Apple non dà priorità alle GPU di fascia alta. Si può comprare un Mac Pro da 6.000 dollari con il top della linea AMD FirePro D700, ma questo comunque non rispetterebbe le nostre specifiche raccomandate. Se quindi daranno maggior priorità alle GPU di fascia alta, come hanno fatto per un po' tempo fa, adoreremmo supportare il Mac. Ma per ora non c'è una sola macchina che ci permetta di farlo."

In termini di risorse PC, per far funzionare a dovere Oculus Rift i giocatori dovranno dotarsi di un hardware il cui costo si aggira intorno ai 1.000€, a partire da una GeForce GTX 970 introdotta come requisito minimo.

Via | Venturebeat.com

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 61 voti.  

I VIDEO DEL CANALE TECNOLOGIA DI BLOGO