iTunes per Android, Apple sta valutano la possibilità

Grosse novità in arrivo per iTunes. Mentre a Cupertino si valuta la fattibilità di un nuovo servizio in streaming à la Spotify, qualcuno almanacca di una versione di iTunes per Android.

A partire dall’inizio dell’anno, e per la prima volta dal debutto di iTunes nel lontano 2003, i download musicali sono calati del 5,7%, dai precedenti 1,34 miliardi di brani scaricati agli attuali 1,26 miliardi; gli album, invece, sono passati da 117,7 milioni di unità a 117,6.

E questo spiega per quale ragione negli ultimi tempi, Cupertino abbia tentato di ravvivare un po’ l’ambiente con nuovi esclusive di un certo calibro e con accordi particolari con le etichette. I risultati dei singoli interventi hanno portato subito a una boccata d’ossigeno, ma i numeri nel complesso restano inferiori agli anni passati. Ecco perché, Apple sta valutando la possibilità di lanciare un nuovo servizio in streaming tipo Spotify, con in più un nuovo client dedicato al mondo Android. Lo svela Billboard:

Apple ha dato il via ad una serie di meeting con i dirigenti delle Major per valutare la possibilità di lanciare un servizio di streaming on demand che rivaleggerebbe con Spotify e Beats Music, secondo tre persone a conoscenza dei fatti. Apple sta inoltre penando di aggiungere un’app iTunes per Android, il rivale targato Google che ultimamente cresce più dell’iPhone.

La mela ha già lanciato un prodotto simile con iTunes Radio, ma la differenza sta nel fatto che agli utenti sarà data la facoltà di scegliersi i contenuti da ascoltare di volta in volta:

“Sicché, quando si compra una canzone per 1,29$ e la si salva nella libreria, iTunes potrebbe inviare una mail in cui dice che per un totale -mettiamo- di 8$ al mese, puoi accedere a quella canzone più a tutto il resto della musica dell’iTunes Store. Ma siamo ancora a livello di ipotesi.

Insomma, la cosa non avverrà tanto presto, ammesso che mai avverrà. E ovviamente, Apple si guarda bene dallo smentire o confermare l’informazione, ma le voci circolano da talmente tanto tempo che oramai le prendiamo praticamente per vere.

Ti potrebbe interessare
Dispositivi iOS: ora un cavo li collega ad Arduino
Accessori Apple iPhone

Dispositivi iOS: ora un cavo li collega ad Arduino

Redpark ha introdotto sul mercato un nuovo cavo con adattatore che consente ad un dispositivo iOS di lavorare con la famosa scheda programmabile Arduino: creata dall’italiano Massimo Banzi e subito divenuta il baluardo dell’innovazione made in Italy. Il cavo è attualmente venduto da DIY magazine Make come parte del Redpark Breakout Pack, che a sua

Nokia OVI getta il guanto di sfida ad App Store
iPhone 3G iPod touch

Nokia OVI getta il guanto di sfida ad App Store

Come ampiamente annunciato, dopo Blackberry, Microsoft e Google aprono ufficialmente i battenti dell’App Store targato Nokia. Niente di nuovo sotto il sole, per ora, ma un bacino d’utenza potenziale che potrebbe dare filo da torcere anche ad Apple.Come sottolineano velenosamente su 9to5Mac, se l’imitazione è la forma più sincera di adulazione, allora l’industria della telefonia

Apple taglia il nastro dei 250 retail store
Apple Store

Apple taglia il nastro dei 250 retail store

Venerdì prossimo, Apple aprirà al pubblico il suo 250° retail store nella cittadina di Modesto (in California) all’interno del centro commerciale Vintage Faire. L’azienda ha lavorato alla costruzione ed all’allestimento durante l’estate.Apple ha spinto il più possibile sull’apertura dei retail store: il suo obiettivo era aprirne 40 nel 2008; obiettivo largamente superato. Con l’apertura del

MacBook e Powerbook a confronto
Mac MacBook Pro

MacBook e Powerbook a confronto

Mi accanisco: ecco un’altra gallery con tutte le foto di un nuovissimo MacBook Pro, aperto e acceso. Questa in più offre un confronto visivo tra il MacBook Pro ed un PowerBook, rispetto al quale è più sottile. Anche l’alimentatore è molto più compatto. (Come mi avete fatto notare l’alimentatore MagSafe da 85w del MacBook è

EMI dalla bocca larga
iPhone

EMI dalla bocca larga

Questa settimana la casa discografica EMI si è lasciata scappare (?) due dichiarazioni che riguardano strettamente Apple, ma senza fare la felicità di Cupertino. La prima risale a tre giorni fa, quando Alain Levy, CEO di EMI, ha dichiarato con serenità che “Apple si è finalmente decisa a differenziare i prezzi degli album acquistati su