Decade il “Modello Agenzia” su iBooks

L’accordo che impediva agli editori presenti su iBooks di rivendere altrove i propri eBook a prezzi inferiori è sotto la lente d’ingrandimento dell’Antitrust statunitense. Ecco perché le parti si accordano per eliminarlo.


In risposta alle recenti attenzioni del Dipartimento di Giustizia statunitense sui prezzi degli eBook e sul paventato cartello in atto, sembra che le parti coinvolte stiano cercando un’intesa che consentirà loro di bypassare il cosiddetto “Modello Agenzia” voluto da Apple che impedisce agli editori partner di vendere altrove e a minor prezzo i medesimi titoli presenti su iBookstore.

A scrivere della faccenda è Reuters:

Sebbene le negoziazioni siano ancora in corso, l’accordo dovrebbe produrre l’eliminazione del modello di Apple ribattezzato “Clausola della nazione più favorita” che aveva impedito agli editori di vendere eBook a prezzo ribassato attraverso i negozi della concorrenza come Amazon.com o Barnes & Noble […]. Il patto potrebbe portare ad un ribaltamento, almeno temporaneo, nel controllo dei prezzi dall’editore al rivenditore, ha affermato una delle persone coinvolte. Il cambiamento verso un “modello all’ingrosso” non soltanto porterebbe benefici ai consumatori ma anche ad Amazon, che rappresenta il più importante retailer di eBook grazie al suo Kindle.

E se, a dire degli analisti, questa novità genererà un bel miliarduccio di dollari in più nelle casse di Amazon che detiene il 65% del mercato degli eBook, lo stesso non si può dire di Apple: col suo piccolo giro d’affari da 50 milioni di dollari l’anno, infatti, iBooks non viene praticamente scalfito dalla novità.

Ti potrebbe interessare
Cosa regalare a un appassionato Apple: le vostre idee
Natale

Cosa regalare a un appassionato Apple: le vostre idee

Una settimana fa Ippocampo vi ha dato qualche consiglio per fare il regalo giusto a un utente Apple. Dai commenti di quel post sono arrivati tanti suggerimenti, che troviamo utili e interessanti. Così abbiamo pensato di fare un secondo post per rispondere al vostro feedback. Dopo i consigli di settimana scorsa, eccone quindi altri, per

Sul web le prime immagini di iWork per iPhone
App Store Software Apple

Sul web le prime immagini di iWork per iPhone

iWork è da diversi anni la suite di Apple alternativa ad Office. Su Mac vende particolarmente bene e su iPad vende benissimo. In molti, quindi, si aspettano una versione anche per iPhone, in particolare per l’iPhone 4. Il Retina Display, infatti, renderebbe facilmente leggibile il testo anche su uno schermo così ridotto. In questi giorni

Problemi di traduzione in iTunes 8 per Windows
iTunes Store

Problemi di traduzione in iTunes 8 per Windows

Se accostiamo la legenda di iTunes 8 per Windows (immagine superiore) a quella per Mac (immagine inferiore), esiste una differenza macroscopica. Quale?La traduzione dell’inglese “Free”, destinata ad indicare lo spazio ancora disponibile nel device collegato ad iTunes, con “Gratis” invece di “Libero”.[Grazie ad Ale per la segnalazione]

SlipCover: touchscreen per iMac (e non solo)
iPhone

SlipCover: touchscreen per iMac (e non solo)

Troll Touch, produttrice di hardware touchscreen per Apple, ha realizzato SlipCOVER, una “pellicola” trasparente da posizionare sul monitor dell’all-in-one di Cupertino e installabile direttamente dall’utente.Disponibile per i modelli da 20″ e 24″, SlipCOVER costa rispettivamente 99 e 99. Disponibili anche cover per gli altri modelli di computer Apple, come MacBook, eMac e anche per Apple

Con Toast 7 il Blu-Ray debutta su Mac
Mac Software Apple

Con Toast 7 il Blu-Ray debutta su Mac

Sonic Solution ha annunciato che la prossima versione di Toast 7 integrerà il supporto per i dischi Blu-Ray. Stiamo parlando, quindi, del primo software per Blu-Ray su Mac, che permetterà di conservare fino a 50Gb in un disco. I primi driver Blu-Ray supportati saranno venduti nei prossimi mesi. Ad ora sappiamo ancora poco sui piani