Decade il “Modello Agenzia” su iBooks

L’accordo che impediva agli editori presenti su iBooks di rivendere altrove i propri eBook a prezzi inferiori è sotto la lente d’ingrandimento dell’Antitrust statunitense. Ecco perché le parti si accordano per eliminarlo.


In risposta alle recenti attenzioni del Dipartimento di Giustizia statunitense sui prezzi degli eBook e sul paventato cartello in atto, sembra che le parti coinvolte stiano cercando un’intesa che consentirà loro di bypassare il cosiddetto “Modello Agenzia” voluto da Apple che impedisce agli editori partner di vendere altrove e a minor prezzo i medesimi titoli presenti su iBookstore.

A scrivere della faccenda è Reuters:

Sebbene le negoziazioni siano ancora in corso, l’accordo dovrebbe produrre l’eliminazione del modello di Apple ribattezzato “Clausola della nazione più favorita” che aveva impedito agli editori di vendere eBook a prezzo ribassato attraverso i negozi della concorrenza come Amazon.com o Barnes & Noble […]. Il patto potrebbe portare ad un ribaltamento, almeno temporaneo, nel controllo dei prezzi dall’editore al rivenditore, ha affermato una delle persone coinvolte. Il cambiamento verso un “modello all’ingrosso” non soltanto porterebbe benefici ai consumatori ma anche ad Amazon, che rappresenta il più importante retailer di eBook grazie al suo Kindle.

E se, a dire degli analisti, questa novità genererà un bel miliarduccio di dollari in più nelle casse di Amazon che detiene il 65% del mercato degli eBook, lo stesso non si può dire di Apple: col suo piccolo giro d’affari da 50 milioni di dollari l’anno, infatti, iBooks non viene praticamente scalfito dalla novità.

Ti potrebbe interessare
Un ex dipendente Apple racconta le approvazioni su App Store
App Store

Un ex dipendente Apple racconta le approvazioni su App Store

Riguardo il processo di approvazione su App Store abbiamo parlato in diverse occasioni, e nella maggior parte dei casi si trattava di ineleganti prove di forza, piccole concessioni, inspiegabili cambi d’umore e conflittini d’interesse. Tutte casistiche che hanno spesso attirato gli strali degli sviluppatori e talvolta degli utenti, ma che mai ci saremmo aspettati pure dai recensori stessi del software. Ed è tutta da ridere, fidatevi.

Applicazioni per iPhone, iPod touch e iPad: le migliori segnalate su App Blog
iPod touch

Applicazioni per iPhone, iPod touch e iPad: le migliori segnalate su App Blog

Anche questa settimana vi segnalo le migliori nuove applicazioni per iPhone, iPod touch e iPad di cui si è parlato su AppBlog. A questo link trovate le precedenti segnalazioni. Questa settimana contiamo numerosi aggiornamenti di interessanti utility per i nostri dispositivi, soprattutto su Cydia. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta: MemoryTap: si tratta di

AT&T nega il coinvolgimento nel caso Google Voice
iPhone 3G iPhone 3GS

AT&T nega il coinvolgimento nel caso Google Voice

AT&T invia una breve risposta iniziale alla Federal Communications Commission lettera di inchiesta spedita ad Apple, AT&T e Google lo scorso sabato. Brad Mays, portavoce AT&T, ha fermamente negato ogni collegamento tra l’azienda che rappresenta e la decisione di Apple di rifiutare Google Voice nel suo App Store, di conseguenza attribuisce la totale responsabilità dell’accaduto

AT&T e le tariffe italiane
iPhone

AT&T e le tariffe italiane

Nei giorni scorsi ci siamo spaventati per i costi delle tariffe a contratto proposte da AT&T per gli acquirenti di iPhone.Ebbene, stamane ho fatto un tour dei nostri 4 operatori nazionali ed ho cercato le tariffe che potrebbero essere comparabili con quelle proposte dalla compagnia telefonica americana. Le caratteristiche dovevano essere le seguenti: abbinamento ad