Antitrust: Apple nel mirino dell'Unione Europea


I comportamenti di Apple nei confronti di Google e Adobe l'hanno messa nel mirino dell'autorità antitrust americana. Ora però, a guardare con sospetto la Mela, è anche l'Unione Europea.

A intimorire Apple, questa volta, sarebbe la commissaria europea Neelie Kroes, che già nel 2004 fece sudare Microsoft in una celebre causa contro i suoi comportamenti anticoncorrenziali. All'epoca la Kroes si occupava proprio dell'antitrust ma anche oggi, che è al vertice del settore della Commisione "Digital Agenda", sembra ugualmente agguerrita. Una delle priorità di Digital Agenda è quella di aggiornare la legislazione europea, analizzando le nuove opportunità anti-concorrenziali nate nel mondo della tecnologia.

Spiegando lo scopo di Digital Agenda e la necessità di nuove norme Kroes ha affermato: "Dobbiamo assicurarci che i leader del mercato non possano ostacolare l'interoperabilità con i loro prodotti. Questo è particolarmente importante nei casi in cui non esistano standard reali (…) L'obiettivo principale è assicurarsi che i consumatori possano avere libertà di scelta sui prodotti hardware e software".

Questo impianto danneggerebbe Apple in molte scelte, come quella di ostacolare apertamente la tecnologia Flash su iPhone, iPod e iPad. Anche la chiusura di App Store potrebbe essere vista come una limitazione al mercato.

[via Rethink Wireless]

  • shares
  • Mail
51 commenti Aggiorna
Ordina: