Apple VS. Epic Games: è guerra aperta

Mentre Apple minaccia di chiudere l’account sviluppatore di Epic Games, quest’ultima chiama a raccolta i dissidenti per lanciare la controffensiva.

In seguito alla rimozione di Fortnite da App Store a causa di modalità di pagamento alternative a quelle previste da Apple e Google, le società iniziano a disporre le proprie pedine in attesa che lo scontro entri nel vivo dal punto di vista legale e mediatico. Apple minaccia di chiudere il rubinetto agli strumenti di sviluppo software, mentre Epic Games chiama a raccolta gli altri dissidenti di App Store.

Le Contromosse di Apple

Se la situazione non si sblocca entro il 28 agosto, Apple ha promesso di sospendere l’account sviluppatore di Epic Games, inclusi i tool necessari per creare l’Unreal Engine. Dunque, nessun accesso a SDK, API, software, versioni pre-release dei sistemi operativi, TestFlight, App Store‌ Connect, CloudKit, Wallet, e perfino restituzione del Mac mini ARM.

Di fatto, ciò significa la cessazione di qualunque attività di sviluppo software su iOS e macOS. Un’ipotesi disastrosa che Epic Games intende contrastare chiedendo preventivamente al giudice di impedire “qualunque azione ostile” nei suoi riguardi.

L’Adunata di Epic Games

Dal canto suo, Epic Games sta tentando di coinvolgere altre società tecnologiche nella speranza di creare una sorta di coalizione contro le pratiche di business di Cupertino. E per ora, ha già incassato l’endorsement di Spotify, che “applaude alla decisione di prendere una posizione contro Apple per far luce sul suo abuso di posizione dominante.” (Spotify aveva già il dente avvelenato con Apple per ragioni simili)

Ma non sarà facile. Molti, pur appoggiando privatamente la battaglia di Epic Games, hanno paura di uscire allo scoperto; senza contare che, per alcuni, esiste anche il rischio che una coalizione anti-Apple possa finire con l’attirare le attenzioni dell’Antitrust.

Siamo solo all’inizio, e c’è da scommettere che non mancheranno colpi di scena, ma stavolta il punto di rottura è inevitabile. Con quali conseguenze, solo il tempo dirà.

Ti potrebbe interessare
LivelyIcons, l’hack da jailbreak che combatte il cancro
Tutorial

LivelyIcons, l’hack da jailbreak che combatte il cancro

LivelyIcons è un hack per iOS che consente di modificare a piacimento l’animazione di apertura delle applicazioni su iPhone, iPad ed iPod touch scegliendo da una lista di divertenti preset. Non è certamente il primo mod del genere su Cydia, ma la sua peculiarità consiste in altro: tutti i proventi della vendita, infatti, saranno devoluti alla ricerca contro il cancro.

iPad 2 prestazioni al top e 512 MB di RAM
iPad 2 iPhone 5

iPad 2 prestazioni al top e 512 MB di RAM

Domani si prevedono grosse code di fronte agli Apple Store statunitensi per l’inizio delle vendite del nuovo iPad 2, ma le testate più influenti hanno già avuto modo di provare in anteprima il nuovo tablet della Mela, come Engadget che lo ha sottoposto ai test di Geekbench scoprendo che il nuovo processore Apple A5 dispone

Aggiornamento di compatibilità QuickTime con iChat
iPhone

Aggiornamento di compatibilità QuickTime con iChat

Apple ha rilasciato un aggiornamento denominato “Aggiornamento di compatibilità QuickTime con iChat“, versione 7.5.5 che, come suggerisce il nome, migliora il supporto di QuickTime nel programma di chat di Apple.Dovrebbe risolvere alcuni blocchi di iChat che si verificavano a volte dopo qualche minuto di chat video o audio, con QuickTime 7.5.5, soprattutto dopo l’aggiornamento a

Apple regala MacBook ai migliori sviluppatori del WebKit
MacBook Pro Software Apple

Apple regala MacBook ai migliori sviluppatori del WebKit

Solo lo scorso giugno Apple creò uno spazio per tutti i programmatori open source desiderosi di partecipare all’ottimizzazione di Khtml su Macintosh, il WebKit. Khtml è il cuore di molte applicazioni come Safari, la Dashboard e Mail.app, sviluppato insieme al gruppo open source di KDE. Oggi, dopo tanti mesi dal debutto del progetto, Apple ha