Per Apple il nuovo iPad scalda il giusto


Prima che esploda un nuovo caso simile al cosiddetto antennagate che aveva colpito l'iPhone 4, il supporto tecnico di Apple ha prontamente diramato una nota nella quale afferma che:


Il nuovo iPad offre uno splendido Retina display, il processore A5X, il supporto alle reti 4G LTE oltre a 10 ore di autonomia, il tutto mentre opera all'interno delle nostre specifiche termiche. Se i clienti hanno qualche dubbio devono contattare l'Apple Care.

I motivi per cui il nuovo iPad scalda di più dell'iPad 2 sono dovuti ad una diversa progettazione dei nuovi componenti che sono chiamati ad uno sforzo supplementare per gestire le notevoli prestazioni grafiche:


  1. Il processore Apple A5X dispone di due GPU dual core ed è montato per la prima volta su un dispositivo iOS con il core rivolto verso l'esterno, ricoperto di pasta conduttiva e con un involucro metallico, che a sua volta è messo in contato tramite alcuni spessori con la scocca dell'iPad per smaltire il calore prodotto

  2. Il Retina Display con tre milioni di pixel stipati in un pannello da 9.7 pollici necessita di una forte retroilluminazione che arriva a consumare fino a 7 watt, contro i 2.8 watt della retroilluminazione dell'iPad 2

  3. Per garantire 10 ore di autonomia Apple ha dovuto aumentare la capacità delle batterie del 70%, ma questo significa che nel normale utilizzo viene assorbita una quantità di energia maggiore, con il conseguente riscaldamento delle batterie stesse

  4. Da notare infine che anche il nuovo chip 4G LTE contribuisce sicuramente ad incrementare il consumo energetico

E' difficile quindi pensare che Apple possa essere incappata in un nuovo antennagate, ribattezzato per l'occasione "heatgate", poiché il nuovo iPad è stato espressamente progettato per dissipare attraverso la scocca metallica il calore inevitabilmente prodotto dai suoi componenti chiave.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: