Go PC, Intel torna all’attacco di Apple anche sul gaming

Ora che Intel e Apple sono ufficialmente competitor, è partita una nuova campagna anti-Apple. Si chiama Go PC e prende in giro i Mac.

Parliamo di

Ora che i Mac hanno iniziato la transizione verso il mondo ARM, Apple e Intel sono ufficialmente due competitor. Ecco perché, dopo anni di proficua collaborazione per entrambi, è partita la prima campagna anti-Apple dello storico produttore di chip.

Si chiama Go PC ed è una campagna pubblicitaria che tenta di spiegare agli utenti i vantaggi dei PC Windows rispetto agli omologhi con la mela. Con messaggi sintetici, pubblicati sui social, in cui si legge cose come:

Solo i PC possono sostenere tanto i giocatori che gli scienziati: Se potete lanciare un Razzo e lanciare Rocket League, non siete su Mac. Go PC.

Oppure:

Solo un PC offre modalità tablet, schermo touch e supporto alla stilo in un unico dispositivo: Se potete scorrere con le dita tra le anteprime di Photoshop, non siete su Mac. Go PC.

E quando si fa clic sui post, si viene reindirizzati a video come quello che trovate qui di seguito, creato dallo YouTuber Jon Rettinger che mostra laptop equipaggiati con l’ultima generazione di processore Intel, e li mette a confronto con i Mac M1.

Gaming: Intel Vs. Apple

Gaming: Intel Vs. Apple

Giusto in queste ore, Intel ha presentato i suoi processori di serie H di 11ª generazione pensati per i laptop super sottili, e dotati di velocità di clock fino a 5GHz, Wi-Fi 6/6E e gameplay a 1080p per molti giochi famosi. Durante la conferenza stampa, Intel ha dichiarato che i Mac M1 regalano una pessima esperienza di gioco perché (testuali parole):

    1. “Oltre la metà dei titoli odierni non sono supportati su macOS.”
    2. I giochi in Emulazione o Virtualizzati vanno molto più lenti che in ambiente Windows puro.
    3. I PC Intel offrono “una migliore esperienza di gioco rispetto alla totalità dei portatili Mac.”
    4. La metà dei creatori di contenuti sono anche giocatori, per cui -nell’ottica di Intel- ha senso per loro acquistare un PC Windows di fascia alta così da poter fare entrambe le cose.

La Campagna Anti-Apple

Go PC, la campagna anti-Apple di Intel

Quest’ultima iniziativa è solo il tassello di un mosaico molto più grande volto a ricreare una distinzione tra il mondo Intel e quello Apple, annientato da anni di partnership tecnologica. Solo pochi mesi fa, ad esempio, parlavamo di alcuni benchmark controversi ritenuti dagli addetti ai lavori “accuratamente calibrati” per mettere in luce i processori Intel a scapito di quelli Apple.

La transizione di Cupertino è formalmente iniziata nei mesi scorsi, e si concluderà quando tutto il catalogo sarà passato ad ARM; cosa che, se tutto va come previsto, dovrebbe avvenire entro due anni. E visto che Apple è stata molto aggressiva nell’annunciare il passaggio ai chip Apple, ha senso per Intel una campagna marketing di forza uguale e contraria.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare