QR code per la pagina originale

iOS 14, Apple spiega il segreto di Scribble

C'è un motivo per cui Scribble, il riconoscimento della scrittura manuale in iOS14, funziona tanto bene. E la ragione l'ha spiegata Apple stessa.

,

Tra le tante novità introdotte con iOS 14, Scribble è forse quella più interessante perché consente di convertire in modo automatico il testo scritto in testo digitale, con risultati molto promettenti. Il vice presidente senior di Apple Craig Federighi spiega la differenza rispetto alle tecnologie concorrenti.

Con Scribble, potete usare Apple Pencil per scrivere a mano in qualunque punto di input testo dell’interfaccia grafica, e iPadOS 14‌ convertirà la calligrafia in testo digitale. Ciò significa che si può creare non soltanto note e schizzi, ma anche aggiungere una data sul Calendario, scrivere un indirizzo Web in Safari o inviare un iMessage. Funziona con tutto e in tutte le app.

In una intervista a Popular Mechanics, Federighi ha rivelato i segreti della conversione testo in tempo reale, e c’è molto più del classico OCR cui eravamo abituati; iPad non guarda solo quel che viene scritto, ma analizza anche come viene scritto.

“Quando c’è da comprendere la scrittura a mano libera, andiamo di raccolta dati. Abbiamo trovato persone in tutto il mondo, e abbiamo fatto scrivere loro delle cose […]. Gli abbiamo dato una Pencil, e gli abbiamo chiesto di scrivere prima veloce, poi lentamente, poi a intervalli. Tutte queste variazioni.”

Questa metodologia è diversa dall’approccio relativamente semplicistico della scansione e dell’analisi della scrittura esistente. Federighi afferma che per la tecnologia Apple, gli esempi statici non erano sufficienti. Bisognava capire come veniva formata ogni lettera. “Se comprendi ogni tratto e come viene disegnato, ciò si può utilizzare per distinguere quel che viene scritto.”

A cui ovviamente si aggiungono le consuete tecniche di interpretazione, correzione e predizione del testo che tutti già conosciamo quando digitiamo su iPhone e iPad. E tutta l’elaborazione avviene in locale, nel rispetto della privacy degli utenti e con velocità adeguate:

“Deve accadere in tempo reale, proprio ora, sul dispositivo che hai in mano” chiosa Federighi. “Il che significa che il potere computazionale del dispositivo deve poter disporre in locale delle risorse necessarie.”

Da quel che si vede, Scribble è un piccolo prodigio di tecnologia; tuttavia, al momento è supportato solo in inglese, cinese tradizionale, cinese semplificato e nella combinazione cinese/inglese; per la lingua italiana occorrerà attendere un aggiornamento ad hoc.