Il jailbreak per i nuovi iPhone 3GS è possibile

I nuovi iPhone 3GS sono in consegna con una nuova BootROM sviluppata appositamente per bloccare il jailbreak. Effettivamente il nuovo sistema blocca integralmente l’exploit 24kpwn sviluppato dal Dev Team. Il danno non è comunque irreparabile, dato che tale exploit rendeva solo più facile avviare l’iPhone senza doverlo collegare ogni volta ad un computer.A farsi portavoce

Parliamo di


I nuovi iPhone 3GS sono in consegna con una nuova BootROM sviluppata appositamente per bloccare il jailbreak. Effettivamente il nuovo sistema blocca integralmente l’exploit 24kpwn sviluppato dal Dev Team. Il danno non è comunque irreparabile, dato che tale exploit rendeva solo più facile avviare l’iPhone senza doverlo collegare ogni volta ad un computer.

A farsi portavoce della novità è proprio un membro del Dev Team, Eric McDonald:

Non è impossibile effettuare il jailbreak, anche se non è più possibile sfruttare la piena funzionalità dell’exploit.

McDonald ha poi sottolineato l’analogia con le problematiche riscontrate nel caso dell’iPod Touch di seconda generazione.

Anche nel caso del primo sviluppo del 24kpwn, ogni qual volta un iPod Touch 2G con jailbreak veniva spento, doveva poi essere riavviato collegandolo ad un computer. Circa due settimane dopo la release della patch, il Dev Team è riuscito a bypassare la procedura del tethering con computer per inizializzare il boot. Al momento la situazione è punto e a capo e nel caso si procedesse ad un jailbreak di un nuovo iPhone 3GS dotato di BootROM aggiornata sarà necessario collegarlo al pc per riavviare.

Nessun software è inviolabile e i numerosi jailbreaker italiani dovranno portare pazienza.

[Via Wired]

Ti potrebbe interessare