QR code per la pagina originale

iMac 2020, problemi di grafica con GPU Radeon Pro 5700XT

Alcuni iMac del 2020 hanno un problema con la GPU Radeon Pro 5700 XT GPU. Lo schermo mostra artefatti e linee orizzontali. Ecco cosa si sa.

,

Aggiornamento del 25 settembre 2020: In linea con le aspettative, Apple ha reso disponibile un aggiornamento software -macOS Catalina 10.15.7- che risolve definitivamente il problema degli artefatti grafici che affliggono alcuni iMac 27″ 2020 con Radeon Pro 5700 XT. Trovate tutte le informazioni e le novità incluse nell’update su questo post:

macOS Catalina 10.15.7 risolve il problema grafico degli iMac

Alcuni esemplari dell’ultima generazione di iMac 27″, rilasciata lo scorso agosto, sembrano avere dei problemi con la GPU Radeon Pro 5700XT. Sul display vengono mostrate lineette e artefatti grafici che compaiono in modo e con frequenza casuale.

L’iMac in questione è quello 2020, caratterizzato da processore Intel di 10ª generazione, più RAM e opzioni SSD rispetto al predecessore e una potente GPU AMD. Peccato però che, dal giorno del debutto, un certo numero di utenti (non tutti c’da dire) ha registrato noie di tipo grafico. La maggior parte delle quali sembrano presentarsi sui modelli con 5700XT.

“Ho ricevuto il mio iMac 2020 giovedì scorso, in tarda serata” scrive un utente. “È veloce come mi aspettavo e bello. L’altra sera mi è sembrato di vedere, con la coda dell’occhio, una lineetta orizzontale comparire a metà schermo. Ho pensato ad un attimo di stanchezza. Stamattina, l’ho vista di nuovo. Il computer non sta girando a pieno carico né è bollente. iStat Menus mostra tutti i core del processore a carico leggero. Ricordo di aver vissuto qualcosa del genere con il MacBook Pro 13″ del 2019 e con una versione precedente di macOS (non ricordo se era una build tardiva di Mojave o una iniziale di Catalina), e tutto è stato risolto con un update software.”

Alcuni utenti infatti riferiscono di aver risolto la questione semplicemente cambiando risoluzione rispetto a quella nativa; ma è un palliativo tutt’altro che ottimale. L’unica soluzione, per il momento, è attendere che Apple risolva la cosa col primo aggiornamento software utile. Aggiorneremo il post non appena ci saranno novità.

Acquista su Amazon: