Coronavirus, Tim Cook: "Apple non raggiungerà gli obiettivi di bilancio"

Era nell'aria, e alla fine è accaduto. Tim Cook ha dovuto avvisare gli azionisti che, a causa del Coronavirus, Apple non raggiungerà gli obiettivi di bilancio prefissati per il Q2 2020.

Il Coronavirus inizia a far sentire i suoi effetti a livello economico, e qualcosa ci dice che siamo solo all'inizio. I ritardi in catena di montaggio, l'impatto delle misure di contenimento dell'infezione e i problemi causati dall'emergenza sanitaria mettono a rischio l'intera scaletta di prodotto del 2020. Nella migliore delle ipotesi, i nuovi prodotti arriveranno col contagocce; nella peggiore, il lancio sarà rimandato a data da destinarsi. In ogni caso, Apple non raggiungerà gli obiettivi di bilancio prefissati.

In linea puramente teorica, Cupertino avrebbe dovuto raggiungere un fatturato compreso tra 63 e 67 miliardi di dollari nel trimestre fiscale che va da aprile a giugno di quest'anno; con un mesto annuncio reso pubblico in queste ore, tuttavia, Tim Cook ha avvisato che non verrà raggiunto neppure il traguardo minimo.

"Il nostro obiettivo trimestrale rilasciato il 28 gennaio 2020 rifletteva le migliori informazioni disponibili al tempo, nonché le nostre migliori stime riguardo il rientro a lavoro in seguito alle lunghe festività del Capodanno cinese il 10 febbraio. Il lavoro sta iniziando a tornare alla normalità nel paese, ma il rientro alle normali condizioni sta richiedendo più tempo del previsto. Pertanto, non saremo in grado di raggiungere l'obiettivo di fatturato previsto per il trimestre di marzo."

I fattori principali di questo impasse sono due: la scarsità di scorte di iPhone nel mondo, e la domanda più debole del previsto in Cina; fenomeni causati entrambi dall'epidemia di COVID-19 che sta mettendo in ginocchio il paese.

In una mail ai dipendenti, Tim Cook ha spiegato che "gli uffici corporate e i contact center hanno riaperto in tutta la Cina, e gli store stanno iniziando ad aprire, ma il ritorno alla normalità sta impiegando più tempo del previsto. Oggi ho condiviso questo aggiornamento con la community degli azionisti e gli investitori per sottolineare che non pensiamo di raggiungere gli obiettivi di bilancio [...]." Poi, una rassicurazione: "Fuori dalla Cina, la domanda dei clienti per i nostri prodotti e le categorie di servizio continuano ad essere forti e in linea con le aspettative. Apple è forte alle sue fondamenta, e questa interruzione è solo momentanea. La nostra priorità -ora e sempre- è la salute e la sicurezza dei nostri impiegati, dei fornitori, dei clienti e delle comunità in cui operiamo. La nostra profonda gratitudine va a quanti fronteggiano questa emergenza sanitaria pubblica. Tim."

  • shares
  • Mail