Realtà Aumentata Apple: Occhiali a “Realtà Mista” entro la fine dell’anno

Apple continua a indagare sulle potenzialità della Realtà Aumentata nei suoi laboratori in Israele; e gli analisti non hanno dubbi: gli occhiali a “Realtà Mista” di Cupertino arriveranno entro la fine dell’anno.

Apple continua a indagare sulle potenzialità della Realtà Aumentata nei suoi laboratori in Israele; e gli analisti non hanno dubbi: gli occhiali a “Realtà Mista” di Cupertino arriveranno entro la fine dell’anno.

Realtà Aumentata, Apple lavora ai Visori VR con Carl Zeiss Realtà Aumentata, Apple testa gli occhiali smart per iPhone

La Realtà Aumentata/Virtuale potrebbe rappresentare il “prossimo grande successo di Apple.” Secondo l’analista Steven Milunovich di UBS, nel corso dei prossimi tre anni la mela infarcirà iPhone e iPad di sensori, fotocamere 3D e speciali chipset.

Lo scopo è di creare dispositivi capaci di mappatura 3D e visione stereoscopica, una tecnologia definita nell’ambiente col nome di SLAM:

SLAM prende due piccioni con una fava, mappando lo spazio conosciuto e anche quello sconosciuto. Il dispositivo inizia da un angolo e colleziona punti di dati. Mentre il dispositivo si muove, osserva come cambiano gli oggetti e inizia a fondere i dati per creare un ambiente. Mentre la mappatura 3D si forma, il dispositivo inizia a comprendere la propria posizione nel contesto dell’ambiente da mappare.

SLAM condensa gran parte delle tecnologie di AR disponibili oggi e sarà probabilmente fondamentale per il futuro. Nel 2015 Apple ha acquisito la società di software Metaio, che possedeva a sua volta uno dei motori SLAM più sofisticati del tempo. La società è stata in silenzio sin dal momento dell’acquisizione, ma secondo le nostre fonti dell’industria è probabile che il team base sia rimasto al suo posto e che la loro proprietà intellettuale potrebbe giocare un ruolo chiave nelle strategie di Apple.

Per intenderci, è qualcosa di molto simile al Progetto Tango di Google, di cui tuttavia non si è saputo più nulla. Apple, in altre parole, rischia seriamente di essere la prima a lanciare la mappatura tridimensionale dell’ambiente nei mercati di massa.

Ti potrebbe interessare