WWDC 2022: l’invito ufficiale arriverà in settimana

L’annuale conferenza degli sviluppatori Apple WWDC 2022 inizierà a giugno. A giorni dovrebbero partire gli inviti ufficiali.

Giunta alla sua 32esima edizione, la consueta conferenza annuale degli sviluppatori Apple -il WWDC 2022- inizierà a giugno. A giorni dunque dovrebbero partire gli inviti ufficiali, per uno degli eventi più attesi nel mondo dell’informatica.

Il Worldwide Developers Conference è l’occasione in cui Apple presenta le nuove versioni dei suoi sistemi operativi; si rivolge prevalentemente agli sviluppatori, e per loro organizza seminari e corsi. Tuttavia, è una kermesse interessante pure per gli utenti comuni perché ci permette di dare un’occhiata in anteprima alle novità in arrivo e alle nuove tecnologie messe a punto. In altre parole, è il modo più spiccio per avere informazioni di prima mano su iOS 16 e iPadOS 16, macOS 13, watchOS 9 e tutto il resto.

Un tempo, quando i nostri problemi erano le bustine del supermercato a 1 centesimo e non c’erano pandemia e guerra, l’evento si sarebbe tenuto dal vivo e in diretta al McEnery Convention Center di San Jose. Stavolta tuttavia, come sempre negli ultimi due anni, sarà tutto pre-registrato e online. Anzi, a tal proposito non è chiaro neppure se e quando ritorneremo in presenza, ma per ora non è un’opzione.

Talvolta, in passato il WWDC ha fatto anche da vetrina al lancio di nuovo hardware, come è accaduto nel 2019, nel caso del Mac Pro e del Pro Display XDR. E poiché sappiamo per certo che Apple sta lavorando ad una versione aggiornata del Mac Pro basata su chip ARM, la possibilità che venga presentato è più che concreta.

Quest’anno, il WWDC 2022 si terrà dal 7 all’11 giugno.

Ti potrebbe interessare
Crucial BX500 480GB: sostituisce l’HD del Mac con un SSD
Accessori Apple

Crucial BX500 480GB: sostituisce l’HD del Mac con un SSD

Se hai bisogno di sostituire il vecchio HD del Mac con un più performante SSD, questa è l’occasione che cercavi. Il Crucial BX500 da 480GB costa solo 48€ e ha super prestazioni. In alternativa, puoi infilarla in un economico case USB da 2,5″ (se ne trovano a 10€ su Amazon) e trasformarlo in un SSD