iCloud sta causando seri problemi agli sviluppatori: ecco che cosa sta succedendo

Aumenta il numero di applicazioni che non riescono a garantire la migliore esperienza utente per via di un problema di iCloud.

Quando ad Apple viene fatto presente un problema più o meno grave, questo viene risolto in tempi più o meno accettabili. Le ultime versioni Release Candidate di macOS, iOS e watchOS, ad esempio, risolvono grane con Safari (iPhone, iPad, Mac) e con la ricarica (Apple Watch). A creare qualche grattacapo da diverse settimane è iCloud e l’azienda di Cupertino non è ancora intervenuta. Cosa sta succedendo?

Su forum e social network sono diversi gli sviluppatori che segnalano malfunzionamenti di CloudKit e, di conseguenza, delle loro applicazioni che integrano il supporto ad iCloud. Intoppi si registrano addirittura da novembre 2021 e oggi la situazione non è migliorata.

iCloud

Il messaggio che appare ad alcuni utenti mentre utilizzano applicazioni di terze parti è il seguente:

Request failed with http status code 503.

In attesa di un fix da parte di Apple, gli sviluppatori stanno prendendo in considerazione soluzioni per informare gli utenti. È quello che ha fatto il team dietro GoodNotes, che ha pubblicato addirittura un documento di supporto.

HTTP 503 è un codice di errore temporaneo (“Servizio non disponibile”) che indica che i server di iCloud non rispondono correttamente alle richieste dei dispositivi. […] Il problema non riguarda la nostra applicazione e abbiamo inoltrato una segnalazione al supporto tecnico di Apple affinché possa indagare. Sembra stia succedendo anche ad altre applicazioni.

Non è ancora chiaro da cosa dipenda il bug di iCloud, ma potrebbe essere in qualche modo legato ad iOS 15. Vista la situazione, sviluppatori e utenti “colpiti” non possono che incrociare le dita e sperare nell’intervento di Apple.

Ti potrebbe interessare
Nuovi dettagli per iPhone 3G da Vodafone
iPhone 3G

Nuovi dettagli per iPhone 3G da Vodafone

Nel tardo pomeriggio di ieri Vodafone ha inviato agli utenti iscritti al suo portale il primo “teaser” di iPhone 3G e, contemporaneamente, ha integrato la scarna pagina web dedicata allo smartphone di Cupertino con dettagli tecnici e informazioni aggiuntive. Dalle nuove pagine si trovano, accanto a tutte le informazioni che già erano note, alcuni spunti