QR code per la pagina originale

Chip M1 Apple: prestazioni oltre ogni aspettativa

Il chip M1 di Apple, presente batte tutti i record, dall'SSD all'autonomia. Regala prestazioni superiori perfino al MacBook Pro 16".

,

Aggiornamento del 17 novembre 2020

Spuntano i primi benchmark del chip M1 di Apple, incastonato su MacBook Air, MacBook Pro e Mac mini ARM. E per ora sembra davvero mantenere ogni promessa: le prestazioni di processore e SSD superano quelle di un MacBook Pro 16″ con Intel.

Sulla carta, Apple promette performance 2,8 volte superiori e una batteria che arriva fino a 20 ore, nel caso del Pro; il chip M1 include una CPU a 8 core (4 ad alta efficienza + 4 ad elevate prestazioni), e una GPU a 8 core che rendono il MacBook Pro 3 volte più veloce di qualunque altro laptop Windows della sua classe. Il tutto corroborato da una SSD che dovrebbe stracciare i predecessori. Questo almeno promette il marketing, e sembra proprio che le cose stiano così.

Leggi anche: Mac con M1: autonomia senza pari per MacBook Air e Pro

Benchmark Geekbench

Benchmark MacBook Air con M1

In queste ore infatti su Geekbench è comparso il primo benchmark di un MacBook Air con M1 e 8GB di RAM; scopriamo così che, a fronte di una velocità base di 3.2GHz, il processore è in grado di macinare un punteggio di 1.687 su singolo core e di 7.433 per il multi-core.

Il MacBook Pro 13″ con chip M1 e 16GB di RAM invece arriverebbe a 1.714 nei test single-core e 6.802 in quelli and a multi-core. La frequenza base è sempre di 3.2GHz.

Ciò pone i Mac ARM al disopra di qualunque dispositivo iOS attuale, incluso iPhone 12 Pro che si è fermato ad un punteggio molto più modesto: 1.584 in single-core e 3.898 in multi-core. Se la cava meglio solo iPad Air con chip A14, ma neanche più di tanto: 1.585 in single-core e 4.647 punti in multi-core.

Il confronto più interessante, tuttavia, è con gli altri Mac. Si scopre così che l’M1 si posizione in testa perfino al MacBook Pro 16″ di fascia alta; il suo Intel Core i9 di 10ª generazione a 2.4GHz gli permette di arrivare al massimo a 1.096 punti su singolo core e 6.870 in multi-core.

Benchmark Cinebench

Benchmark Cinebench - Mac con M1

Cinebench è una piattaforma di benchmarking molto più sofisticata rispetto a Geekbench 5, capace di mettere sotto torchio le prestazioni in multi-thread di una macchina per periodi molto più lunghi; i suoi risultati, dunque, possono essere considerati come un ottimo indicatore del rendimento prestazionale nel mondo reale.

Anche qui i numeri sono interessanti. Il chip M1 del nuovo MacBook Pro si è guadagnato un punteggio multi-core Cinebench di 7.508, e di 1.498 in single-core; un risultato molto simile ai chip Intel di 11ª generazione. Un MacBook Pro 16″ del 2019 con chip Core i9 a 2.3GHz, per paragone, fa un punteggio multi-core di 8.818.

E questo è il primo chip creato da Apple, e pensato per un uso leggero e consumer; pensate cosa potrebbero fare i processori di fascia alta e professionale.

SSD Superveloce

Blackmagic Disk Speed Test - SSD MacBook Air con M1 2020

Già che c’erano, gli utenti hanno fatto qualche esperimento anche con con la SSD integrata, e a giudicare dai numeri Apple diceva la verità: grazie al controller integrato nell’M1, macinano fino al doppio delle prestazioni rispetto ai predecessori.

L’immagine che vedete qui su si riferisce ad un MacBook Air M1 con 256GB di archiviazione, e con velocità di 2.190 MB/s in scrittura e 2.675 MB/s in lettura, supera in scioltezza il MacBook Pro 2016 su cui è stato scritto questo post.

Alla luce di tutte queste notizie, è finalmente possibile trarre qualche conclusione. E da quel che ci sembra di capire, i nuovi Mac ARM sono macchine davvero molto potenti, forse perfino più di quel che Apple ha lasciato intendere. E se questo è solo l’inizio, ci aspettiamo grandi cose dagli iMac e dai Mac Pro. Se non fosse per la scarsità iniziale di software e i limiti dell’emulazione, quasi quasi verrebbe voglia di fare subito il grande salto.

Acquista su Amazon

MacBook Air 13″ con M1

MacBook Air 2020 con processore M1

 

MacBook Pro 13″ con M1

MacBook Pro 13" 2020 con M1

 

Mac mini 2020 con M1

Mac mini 2020 con M1

Tutti e tre i modelli, in tutte le varianti, possono essere preordinati sin da subito, con consegna a partire dal 17 novembre. Il consiglio che vi diamo è di affrettarvi, perché le scorte probabilmente dureranno molto poco e, come detto, la logistica di Cupertino è un po’ in affanno ultimamente.

Inoltre, non lasciatevi scoraggiare dalle eventuali difficoltà di approvvigionamento del modello che vi interessava: aggiungetelo al carrello e ordinatelo anche se non è disponibile o se la consegna è lontana nel tempo. La logistica di Amazon è molto rapida, e ragionevolmente entro qualche giorno la spedizione partirà, dando a voi la precedenza. (e comunque, se lo trovate altrove potete sempre annullare l’ordine).

Qui di seguito trovate tutti i nostri approfondimenti sui Mac ARM:

Video:MacBook Pro 16″- Rumori Durante la Riproduzione Audio