Cosa fatta il jailbreak di iPhone 2.2

Per quanti lo stessero aspettando con ansia, il jailbreak del firmware 2.2 è stato finalmente reso possibile col rilascio dei famosissimi strumenti sviluppati dal Dev Team, Pwnage Tool e Quickpwn.Sul blog del Dev Team si legge che la procedura è rimasta sostanzialmente invariata, tuttavia ci sono una serie di regole d’oro da ricordare, prima di

Parliamo di


Per quanti lo stessero aspettando con ansia, il jailbreak del firmware 2.2 è stato finalmente reso possibile col rilascio dei famosissimi strumenti sviluppati dal Dev Team, Pwnage Tool e Quickpwn.

Sul blog del Dev Team si legge che la procedura è rimasta sostanzialmente invariata, tuttavia ci sono una serie di regole d’oro da ricordare, prima di proseguire con l’aggiornamento:

  • Se si possiede un iPhone 3G e si desidera uno sblocco puramente software in futuro (cosa non necessaria per gli iPhone nostrani, già operator unlocked) non bisogna far uso di Quickpwn, né dell’aggiornamento ufficiale tramite iTunes
  • Le ultime revisioni dei MacBook, MacBook Pro e MacBook Air (late 2008) come noto hanno dei problemi con la modalità DFU, per cui è possibile aggiornare alla versione 2.2 con Pwnage Tool soltanto se già precedentemente “trattato” col medesimo strumento.

Quickpwn e Pwnage Tool sono disponibili come sempre sul blog ufficiale del Dev Team e – come sempre – il loro uso invalida la garanzia del dispositivo acquistato. Infine, il consiglio è di attendere che sul blog si sedimenti un numero sufficiente di esperienze di utenti più audaci, in modo da aumentare le possibilità che qualcuno sia incappato e abbia risolto un eventuale problema che potrebbe accaderci.

Ti potrebbe interessare