QR code per la pagina originale

Pablo Escobar, il fratello fa causa ad Apple per 2.6 miliardi di dollari

Il fratello di Pablo Escobar ha fatto causa ad Apple per la bellezza di 2.6 miliardi di dollari. La ragione? Un bug in FaceTime.

,

Giornatina complicata per i legali di Cupertino, di quelle che probabilmente avrebbero preferito restare a letto a dormire. Il fratello di Pablo Escobar -proprio quel Pablo Escobar– ha deciso di fare causa ad Apple per una cifra spropositata. Il motivo del contendere sarebbe un fastidioso bug di FaceTime.

Apple aprirà il suo primo hotel in Texas

La Escobar Inc. ha denunciato la mela e ha aperto un contenzioso per un risarcimento record di ben 2.6 miliardi di dollari. La società afferma di aver comprato iPhone X in seguito alle rassicurazioni ricevute dal marketing e dal supporto tecnico Apple sul fronte della sicurezza: “è lo smartphone più sicuro sul mercato,” gli avevano garantito.

Fino a quando non si è scoperta una grave vulnerabilità che forse ricorderete. Un bug di FaceTime, infatti, permetteva al chiamante di intercettare l’audio della persona chiamata prima che quest’ultima accettasse effettivamente la videochiamata. Dalla diffusione della notizia fino al momento dell’aggiornamento software risolutivo, Roberto Escobar afferma di essere stato oggetto di videochiamate FaceTime continue, culminate con una lettera del 2019 contente minacce di morte.

Pertanto, Escobar ha denunciato Apple per Violazione di Contratto (100 milioni di dollari), Negligenza e False Dichiarazioni (500 milioni di dollari) e Negligente Imposizione Volontaria di Stress Emotivo (2 miliardi di dollari). Totale, i 2.6 miliardi di cui sopra.

Il giudice ha già accettato il caso, e ora Apple ha 30 giorni per rispondere. Aggiorneremo il post non appena ci saranno novità; intanto, prepariamo i popcorn.

Video:Disattivare Pubblicità Politiche su Facebook