La nuova Apple TV ha un processore A5 dual core a 32 nm


La nuova Apple TV è in grado di riprodurre video a 1080 grazie all'adozione di una particolare versione del processore Apple A5 di dimensioni più piccole di quello installato nell'iPhone 4S.

Chipworks ha sezionato ed analizzato al microscopio questo processore scoprendo che le dimensioni più contenute sono dovute fondamentalmente all'utilizzo del processo produttivo a 32 nm, al posto di quello a 45 nm utilizzato per realizzare il processore A5 dell'iPhone 4S.

La cosa interessante è che questo SoC è a tutti gli effetti una versione in scala ridotta del tradizionale A5, quindi dotato di due core, mentre Apple dichiara nelle specifiche della Apple TV che il processore è dotato di un solo core.

Probabilmente uno dei due core è effettivamente disattivato, una pratica spesso utilizzata dai produttori di chip per recuperare dal wafer i die che non superano i test di conformità, massimizzando così la produzione e diminuendo i costi.

Ma se i processori A5 della Apple TV sono degli "scarti" di produzione, risulta facile supporre che a Cupertino abbiano riservato gli esemplari di prima scelta per un altro dispositivo, ovvero per il nuovo iPhone che in questo modo beneficerebbe di un processore dual core di dimensioni più piccole, con il doppio vantaggio di consumare meno e di occupare meno spazio all'interno del dispositivo, lasciando così posto a delle batterie di dimensioni maggiori, incrementando ulteriormente l'autonomia.

[via chipworks]

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: