MacBook Pro/Air: ecco come mantenere in salute la batteria

Cicli e autonomia: ti spieghiamo in modo semplice come allungare il più possibile la vita alla batteria del tuo MacBook Pro e MacBook Air.
Cicli e autonomia: ti spieghiamo in modo semplice come allungare il più possibile la vita alla batteria del tuo MacBook Pro e MacBook Air.

Esiste un trucco che permetta di mantenere in salute la batteria di MacBook Air e MacBook Pro il più a lungo possibile? La risposta vi lascerà di stucco.

Che Accortezze Bisogna Avere?

C’è chi collega il MacBook con diligenza solo quando la carica scende sotto al 5%; e chi invece lo lascia perennemente collegato. C’è chi cerca di alternare carica e alimentazione da batteria il più possibile, nella speranza che ciò tenga “in allenamento” gli elettroni della batteria. Ma è davvero così importante? La verità è che no, non lo è affatto.

Le moderne batterie agli ioni di Litio non soffrono più del cosiddetto “effetto memoria” come le loro omologhe più vecchie, e dunque non richiedono cure tanto meticolose. Le batterie di Apple sono classificate per funzionare senza cali prestazionali evidenti per almeno 1000 cicli. Tant’è che se scende al di sotto di un determinato numero di cicli prima dei due anni, scatta l’assistenza in garanzia.

“Le batterie utilizzate per i Mac, così come tutte le batterie ricaricabili,” spiega Apple, “sono costituite da componenti deteriorabili che comportano una diminuzione delle prestazioni con il passare del tempo. […] Tutte le batterie ricaricabili diventano meno efficienti con l’invecchiamento, determinato non solo dal tempo. Il ciclo di vita di una batteria dipende dalla sua età chimica, influenzata da fattori come le temperature a cui è stata sottoposta nel corso del tempo e le abitudini di ricarica. L’invecchiamento chimico riduce la capacità di ricarica della batteria.”

Ma cosa si intende esattamente con “ciclo” di una batteria?

Questione di Cicli

Per Apple, tecnicamente, un ciclo è quando la batteria si scarica dal 100% allo 0%; se, in un determinato giorno, la batteria si scarica solo del 50% e poi viene riportata al 100%, e ripeti la medesima cosa il giorno successivo, in due giorni hai “bruciato” 1 solo ciclo, non 2. Quindi questo significa che, se lo colleghi il Mac quando ha ancora il 95% di carica e lo riporti nuovamente al 100%, hai bruciato solo 1/20 di ciclo. E se lo colleghi quando ti è rimasto il 25% di batteria e lo riporti al 100%, ne hai usato 3⁄4.

Scaricando ogni giorno la batteria al 100% e lasciando che si carichi durante la notte, si ottengono all’incirca 3 anni di vita prima che le prestazioni della batteria calino all’80%, il che è ancora un buon livello di efficienza. Ma da questo si evince che in realtà, collegare e scollegare il MacBook dalla corrente anche quando non ce n’è necessità in realtà accorcia la vita della batteria.

E se lo si lascia collegato alla corrente un po’ più spesso, si possono ottenere ben più di 1000 giorni di vita, prima di notare un significativo degrado delle prestazioni superiore al 20&%

Come Regolarsi Quindi?

Molto semplice. Tieni il MacBook collegato per tutto il tempo che sei seduto alla scrivania, e scollegalo senza patemi ogni volta che sei altrove. Tutto qua.

E quando, dopo 5 o 6 anni, la chimica della batteria inizierà ad abbandonarti, prenota una sostituzione batteria e sei a posto. Come fare a sapere quando la batteria è da cambiare? Molto semplice: è il Mac stesso ad avvisarti in Impostazioni → Batteria → Batteria.

Leggi anche:

 

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti