Temu vs Shein: la guerra del fast fashion ha inizio

I due store cinesi stanno portando avanti cause legali a vicenda, ecco alcuni dettagli del contenzioso tra Temu e Shein.
I due store cinesi stanno portando avanti cause legali a vicenda, ecco alcuni dettagli del contenzioso tra Temu e Shein.

La tensione tra le due piattaforme di e-commerce cinesi, Shein e Temu, sta rapidamente crescendo. La settimana scorsa, Temu ha presentato una causa antitrust contro Shein, accusandola di violare la legge antitrust statunitense impedendo ai fornitori di lavorare con la piattaforma più recente. Shein, d’altra parte, aveva precedentemente citato in giudizio Temu per violazione della proprietà intellettuale. Entrambe le aziende stanno cercando di diventare marchi di consumo di massa negli Stati Uniti, nonostante le politiche mutevoli a casa e l’ostilità politica negli Stati Uniti.

Leggi anche: Temu non è affidabile? Tutta la verita sul nuovo store cinese

Temu vs Shein: Punti chiave

Secondo quanto trapelato da fonti interne, Temu sostiene che Shein abbia chiesto a tutti i suoi oltre 8.000 produttori di firmare accordi esclusivi e “giuramenti di lealtà” che li impediscono specificamente di vendere su Temu. Inoltre, sostiene che Shein stia utilizzando false rivendicazioni di violazione del copyright per cercare di far rimuovere a Temu certi prodotti che Temu vende a prezzi più bassi di Shein.

D’altra parte, Shein ha accusato Temu di ingannare i consumatori facendoli credere che fossero lo stesso marchio, vendendo presumibilmente prodotti protetti da copyright di Shein e mostrando la parola “Shein” nelle pubblicità di ricerca che portavano al sito web di Temu. Ha anche affermato che Temu è dietro a tre account Twitter impostori che usano nomi come “Shein_USA” e chiedono ai fan di supportare “il nuovo Twitter di Shein” mentre postano link all’app e al sito web di Temu.

Battaglia del Fast Fashion cinese

Shein e Temu competono nell’industria del fast fashion ultra-rapido. Shein non opera come i marchi di consumo tradizionali. Invece di possedere fabbriche che producono prodotti esclusivamente per essa, l’azienda lavora con una vasta rete di fabbriche cinesi indipendenti. Queste fabbriche creano i disegni, producono i prodotti e li vendono a Shein, affidando alla piattaforma la gestione di altri processi, come l’elenco, il servizio clienti e la spedizione.

La popolarità di Shein e Temu ha già attirato l’attenzione dei politici e degli esperti di politica a Washington, che li vedono come la prossima minaccia alla privacy o alla proprietà intellettuale proveniente dalla Cina. Le accuse reciproche potrebbero diventare munizioni per future critiche, mettendo a rischio la loro sopravvivenza nel mercato statunitense.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti