QR code per la pagina originale

Uccide la moglie, e iPhone lo manda in prigione

Jeff West ha brutalmente ucciso la moglie dopo una lite sulle attività di lei online. Ma iPhone l'ha incastrato, e mandato in galera.

,

Lei faceva show su Internet e indulgeva troppo nell’alcol, lui non condivideva queste scelte di vita. E così, dopo l’ennesima lite furibonda, l’uomo ha commesso un efferato omicidio; ma l’app Salute del suo iPhone l’ha incastrato e mandato in galera. Accade in Alabama, USA.

Stando alle ricostruzioni di AL.com, Kathleen West, di 42 anni, è stata trovata da un passante priva di vita, fuori da casa propria nelle prime ore del 12 gennaio 2018. Aveva indosso solo un reggiseno, e al suo fianco c’era una bottiglia di liquore. Jeff West, suo marito di 47 anni, affermava di aver dormito tutta la notte dopo una serata a base di superalcolici; probabilmente, ipotizzava l’uomo, sua moglie era scivolata sul selciato, configurando così un incidente domestico.

Scavando un po’, tuttavia, gli inquirenti hanno scoperto parecchi scheletri nell’armadio. La donna infatti vendeva foto piccanti di sé online, cosa che Jeff West a quanto pare non gradiva. Ed è questa rivelazione che ha messo la polizia sulla strada giusta.

Leggi anche: Creare una Cartella Clinica personale nell’app Salute su iPhone

iPhone Smaschera l’Assassino

App Salute iPhone - Svela Omicidio

Nelle testimonianze, Jeff West afferma di essere andato a letto alle 22.30, la notte in cui sua moglie ha perso la vita. Tuttavia l’app Salute del suo iPhone rivela che sono stati compiuti 18 passi poco dopo le 23.00, che è l’ora del decesso. E la medesima informazione, allo stesso identico orario, era stata registrata anche sull’app Salute dell’iPhone di lei.

L’unica conclusione possibile dunque è che l’uomo si sia alzato per colpirla alla testa con una bottiglia di liquore, ecco perché è stato condannato a 16 anni per omicidio colposo temerario.

Non è la prima volta che un dispositivo Apple aiuta a risolvere un crimine. Grazie ai sensori integrati e al monitoraggio delle funzioni biologiche dell’utente, infatti, un paio di anni fa un Apple Watch ha consentito di identificare l’autrice di un omicidio. Ha fornito infatti la prova che mancava per mettere in contraddizione l’assassino, e ricostruire una vicenda molto torbida. E anche durante quella occasione, fu tutta una questione di pochi passi.