Netflix, è ufficiale: in arrivo abbonamento “light” con pubblicità

Rivoluzione Netflix: il colosso dello streaming ha perso 200k abbonati e si prepara al lancio di un piano più economico (ma con pubblicità).

Il catalogo di Netflix continua con costanza ad arricchirsi di contenuti (tutti uguali…) ma la strada per il gigante dello streaming appare decisamente in salita. Durante la conferenza sui risultati del Q1 2022, l’azienda aveva annunciato di aver perso circa 200.000 abbonati rispetto al Q4 dell’anno precedente e prevede di perderne ancora altri in futuro. Ecco perché ha deciso di correre ai ripari.

Creando contenuti migliori e magari un filo più originali? Premiando gli utenti di vecchia data? O magari introducendo un nuovo piano per chi vuole i 4K ma non ha bisogno di 4 riproduzione contemporanee? Niente di tutto ciò: vista la situazione, Reed Hastings – cogliendo un po’ tutti di sorpresa – ha confermato che l’azienda sta prendendo in seria considerazione l’idea di un nuovo abbonamento, più economico ma con annunci pubblicitari di tanto in tanto.

Abbonamento con Pubblicità

In una lettera interna, la società ha informato i dipendenti che entro la fine del 2022 potrebbe lanciare un piano ad-supported. Si tratterebbe di una svolta per il colosso dello streaming, che si è sempre schierato contro “la complessità dell’advertising”; inoltre, arriverà anche la temuta stretta sugli account condivisi.

L’Inversione di Tendenza

Netflix
© Unsplash / Netflix

Dopo il boom registrato durante la pandemia di COVID-19, i ricavi registrati da Netflix sono attualmente in calo. Tra le principali cause c’è sicuramente la condivisione delle password, a cui la casa di Stranger Things, Bridgerton e così via, vorrebbe porre un freno: si parla di milioni di utenti che accedono al servizio utilizzando uno stesso account pur non vivendo sotto lo stesso tetto.

Un fenomeno certamente diffuso che tuttavia trova origine nei continui incrementi di prezzo degli abbonamenti, e nella diffusione dei servizi di streaming concorrenti. Un tempo c’era solo Netflix, e costava pochi spiccioli; poi, i competitor hanno fiutato l’affare, e hanno iniziato a creare contenuti in esclusiva da tenere nei propri recintini proprietari. Risultato: per l’intrattenimento, un utente potrebbe arrivare a spendere facilmente 50-100€ mese sommando i costi delle principali piattaforme.

Netflix non è la prima e non sarà l’ultima piattaforma di streaming ad optare per questa soluzione. Negli USA, competitor come Hulu, Peacock e HBO Max offrono già da tempo piani più economici ma con pubblicità. E a breve si aggiungerà anche Disney+, il cui inedito tier dovrebbe debuttare entro la fine dell’anno.

Ti potrebbe interessare
Switch Desktop 5 porte: espandi il Router a 8€
iPhone

Switch Desktop 5 porte: espandi il Router a 8€

Se hai bisogno di più Ethernet sul tuo Router per le connessioni via cavo, ecco una soluzione a basso costo per avere tutte le porte che ti servono. Questo Switch Desktop 5 porte di TPLink costa solo 8€ e spicci incluse spedizioni.Acquista Switch Desktop 5 porte di TPLink a 8,99€Un modo semplice di estendere la rete

Mini ventilatore portatile: tecnologico e minimalista solo 15€
Accessori Apple

Mini ventilatore portatile: tecnologico e minimalista solo 15€

Il Mini ventilatore portatile Jisulife 3 in 1 è tascabile, ricaricabile via USB e occupa davvero pochissimo spazio. Ma è potente e soprattutto garantisce fino a 21 ore di uso continuativo. E fa anche da PowerBank e Torcia.Acquista Mini ventilatore portatile a 15,99€ 【Di piccole dimensioni, grande funzione di accensione】 Combinato con la funzione Ventola + Torcia