Mac Studio, buone notizie dal primo teardown: l’SSD è aggiornabile

Già sciolto il dubbio sull’SSD del Mac Studio: l’unità può essere aggiornata.

Essendo da qualche giorno acquistabile (in modo diretto, senza preordine), il Mac Studio è stato già sottoposto a quella pratica che svela tutti i segreti di un dispositivo tech, che sia uno smartphone, un laptop o un computer desktop. Stiamo parlando ovviamente del teardown, e ci sono buone notizie per chi è solito eseguire upgrade.

Il nuovo computer desktop di Apple è stato fatto a pezzi da Max Tech (noto volto del “tubo” di Google). Il suo teardown è molto dettagliato, conferma e svela diversi dettagli e soprattutto scioglie un dubbio: l‘unità SSD – posizionata in due slot – non è saldata ed è facilmente removibile.

Sul sito dell’azienda di Cupertino è indicato che lo storage SSD del Mac Studio “non è user accessibile“. In aggiunta, Apple invita il potenziale acquirente a scegliere con attenzione la quantità di storage interno prima di portare a termine l’acquisto, proprio per evitare manovre interne in un secondo momento. Questo perché accedere ai componenti interni dell’ibrido non è poi una passeggiata.

Il video di Max Tech, dai più esperti può essere considerato anche come una sorta di tutorial, ma la procedura è a proprio rischio e pericolo (e visti i prezzi del Mac Studio, non sarebbe una cattiva pensarci due volte prima di lanciarsi in un upgrade).

Il Mac Studio, un mix tra Mac Mini e Mac Pro, è stato il protagonista assoluto dell’evento “Peek Performance” dell’8 marzo, il primo di Apple del 2022. Al suo interno battono i chip M1 Max o M1 Ultra, con configurazioni da vero top di gamma del settore.

Per il modello con M1 Max si parte da 2.349 euro, per quello con M1 Ultra invece da 4.649 euro.

Ti potrebbe interessare