Mac ARM, in arrivo MacBook Pro 14″ e iMac 24″

I Pro, gli Air e i mini con chip M1 lanciati adesso sono solo un assaggio. La vera rivoluzione ARM arriva l’anno prossimo.

Parliamo di

All’Evento One More Thing di questa settimana, Apple ha presentato tre nuovi Mac ARM, vale a dire MacBook Pro, MacBook Air e Mac mini con processore M1. Ma non lasciatevi ingannare dalle apparenze, perché siamo solo all’inizio: la vera rivoluzione -nel design e nel form factor- arriva coi modelli dell’anno prossimo.

La stessa cosa si è verificata con l’abbandono dei chip PowerPC a giugno 2005. Se ricordate, i primi Mac Intel mantenevano inalterate le forme e i materiali dei predecessori: tutta l’innovazione era nascosta sotto al cofano. Poi, però, il policarbonato bianco fu mandato in pensione e al suo posto fece capolino l’alluminio su ogni computer con la mela.

E uno scenario simile si ripeterà anche stavolta. Apple ovviamente non ha rivelato la scaletta di prodotto, ma secondo gli analisti, nei prossimi mesi ci saranno sostanziose novità:

  • MacBook Pro 14″: Se ne parla da tempo, e oramai non sembrano sussistere dubbi a riguardo. Apple lancerà un Pro con display da 14″ caratterizzato da chip ARM e un design completamente rivisto. Dovrebbe arrivare in primavera 2021, o comunque entro al fine dell’estate.
  • MacBook Pro 16″: Non conosciamo i dettagli, ma sembra che assieme al MacBook Pro da 14″, Apple lancerà anche un’altra variante con display da 16.” In arrivo sempre entro la fine della prossima estate.
  • iMac 24″: Entro la fine dell’anno, o al massimo all’inizio del prossimo, Cupertino lancerà un iMac base da 24″ con processore M1. Avrà un design più fresco rispetto agli attuali modelli.
  • Mac Pro: Sappiamo che Apple sta progettando un Mac Pro ARM che avrà un design ispirato ai modelli attuali, ma caratterizzato da dimensioni dimezzate. Non è chiaro se sarà affiancato alle linee attuali, o se le sostituirà; di sicuro, arriverà per ultimo.

Ognuno di questi Mac adotterà una versione molto specifica del processore M1, che a sua volta è derivata dall’A14 di iPhone e iPad. La scaletta è la seguente:

  • A14 (nome in codice Sicilian): iPad Air & iPhone 12
  • M1 (nome in codice Tonga): MacBook Air, MacBook Pro e Mac mini
  • M1X (nome in codice Mt. Jade): iMac e Mac Pro

Il chip M1 è dotato di una CPU a 8-core CPU, una GPU a 8-core GPU, un Neural Engine a 16-core, e un’architettura di memoria unificata capace di generare prestazioni 3,5 superiori, e una grafica fino a 6 volte più performante, con il doppio dell’autonomia e un Machine Learning accelerato di 15 volte. I primi benchmark sembrano dare ragione ai proclami del marketing.

Ti potrebbe interessare