Apple Car, la “batteria di livello superiore” sarà prodotta negli USA

Voci da Taiwan non hanno dubbi. Lo sviluppo di Apple Car procede talmente bene che potrebbe essere lanciata l’anno prossimo.

Parliamo di

Aggiornamento del 13 luglio 2021

Secondo l’Economic Daily News, lo sviluppo di Apple Car procede a gonfie vele; da Reuters confermavano che il lancio potrebbe avvenire già nel 2024 e con una “batteria di livello superiore” che, a quanto pare, verrà prodotta negli Stati Uniti. Ma si naviga a vista.

Leggi anche: Apple Car, la mela lavora ad una tecnologia anti-mal d’auto

Chi Dice l’Anno Prossimo

Stando alle indiscrezioni, i produttori taiwanesi partner di Apple stavano già preparandosi per la produzione di massa delle componenti di Apple Car, con consegna nella seconda metà del 2021. Un appuntamento al quale la mela si è preparata inondando le strade della California con dozzine di prototipi a guida autonoma. Poi però tra pandemia e tutto il resto, non se ne è saputo più nulla.

La prospettiva, indubbiamente ambiziosa, cozza infatti con le anticipazioni di altri e più affidabili analisti, incluso Ming-Chi Kuo, secondo cui non se ne riparlerebbe prima del periodo 2023-2025. 

A questo punto alziamo le mani, e attendiamo di saperne di più. Anche perché, soltanto pochi mesi fa, DigiTimes raccontava che Apple era in “trattative preliminari” coi fornitori di componentistica automotive, e che stava lavorando con TSMC per creare un “chip di guida autonoma”; segno che il progetto è ancora in fase embrionale.

Dunque, ci domandiamo, come potrebbero mai riuscire a lanciare un prodotto finito già l’anno in corso? Ecco perché questi rumors ci sono sembrati francamente poco credibili. Poi, per carità, tutto può essere: anche perché ad oggi non è ancora chiaro se Apple stia sviluppando un intero veicolo o se invece si stia concentrando -come sembra- su di un sistema di guida autonoma intelligente da concedere in licenza ai produttori esistenti.

Chi Dice nel 2024

Secondo le fonti di Reuters, invece, Apple sta sviluppando un design che potrebbe “radicalmente” ridurre il costo delle batterie e aumentarne le prestazioni. In particolare, si parla di “batterie monocella” molto efficienti che  permetterebbero contenere più materiale attivo in un formato più piccolo:

Il design di Apple può infilare più materiale attivo all’interno di una batteria, dando all’auto un range di mobilità potenzialmente più ampio. Apple sta inoltre valutando un processo chimico per la batteria chiamato LFP, o lithium iron phosphate […] che è intrinsecamente meno prono al surriscaldamento, e per questo risulta molto più sicura rispetto ad altri tipi di batterie agli ioni di litio.

Chi ha potuto vedere la batteria all’opera l’ha definita “di livello superiore” come quando “abbiamo visto un iPhone per la prima volta.” Il problema tuttavia è che per il momento l’auto a guida autonoma con la mela è ancora nel pieno dello sviluppo, e la pandemia in corso non semplifica le cose. Pertanto, chiosa Reuters, un eventuale debutto è probabile dopo il 2024, se non addirittura nel 2025.

Batterie Made in USA [Agg.]

Stando alle ultime indiscrezioni di DigiTimes, Apple intende far produrre negli USA le batterie destinate ad Apple Car:

“Apple, che a quanto si dice sta ragionando sull’ipotesi di produrre le batterie per Apple Car negli USA, potrebbe lavorare coi produttori taiwanesi piuttosto che con quelli cinesi, spiegano le fonti.

Le taiwanesi Foxconn or Advanced Lithium Electrochemistry (Aleees), entrambe in procinto di aprire impianti negli USA, hanno una possibilità di lavorare con Apple per le batterie […]. Apple sta comunque cercando di lavorare con i due principali fornitori cinesi, CATL e BYD, ma l’insistenza di Apple nell’uso di batterie made in USA per Apple Car rende sempre meno probabile la partnership.”

L’idea di diversificare i canali di produzione non è nuova, e dopo il caos della pandemia, ha perfino più senso. È l’unico modo infatti per garantirsi resilienza e una relativa indipendenza nelle forniture necessarie a mandare avanti la baracca nei momenti clou.

Auto Super Intelligenti

Apple Car Cruscotto - Guida Automatica Smart

Non sappiamo che forma avrà un’auto smart di Cupertino, ma una cosa è certa. Apple Car sarà molto intelligente, tanto da capire cosa intende l’utente anche senza complesse spiegazioni o indirizzi esatti.

Grazie ad una versione potenziata di Siri, “l’utente potrebbe chiedere al veicolo di portarlo al centro commerciale e, una volta giunti lì, sarebbe Apple Car a fare domande più specifiche sulla destinazione,” scrivevamo solo un paio d’anni fa. “E se l’utente dice “dovrei comprare nuove piante per il giardino” l’auto lo porterebbe nel parcheggio della sezione giardinaggio e bricolage del centro commerciale.” Qui potete leggere il resto dell’articolo.

Ti potrebbe interessare
Millennial: il 55% della pubblicità mobile è dell’iPhone
iPhone

Millennial: il 55% della pubblicità mobile è dell’iPhone

Secondo le statistiche 2010 del più grosso network indipendente di pubblicità online, Millennial Media, a luglio Apple trainava il grosso del mercato grazie alla propria piattaforma iOS, e in particolare iPhone.Sul network Millenial, ben il 35% di tutte le impressioni pubblicitarie sono visualizzate su di un dispositivo con la mela sopra, cui segue Samsung col

Aria: la prima borsa per il MacBook Air
Accessori Apple MacBook Air

Aria: la prima borsa per il MacBook Air

A soli due giorni dalla presentazione del MacBook Air, iniziano a far capolino sul web i primi accessori per il computer ultra-sottile: “Aria” è infatti una tra le prime borse ad essere appositamente realizzata per il nuovo notebook di Cupertino.Definirla un case è troppo poco; la borsa è realizzata da Orbino (un’azienda che si occupa

Mailplane (Beta): la recensione
Software Apple

Mailplane (Beta): la recensione

Da quanto è stato aperto a tutti, il servizio di posta elettronica di Google, GMail, ha avuto un successo clamoroso. La capacità della casella di oltre 2 Gb, il superlativo filtro anti-SPAM e l’ottima interfaccia web sono, probabilmente, le caratteristiche chiave di questo successo. La possibilità, poi, di poter fruire in modo ottimale del servizio