Windows Mobile 7 lancia la sfida ad iPhone OS

Microsoft ha confermato in un’anteprima di Windows Mobile 6.5 che la versione 7 del suo sistema operativo mobile includerà il multi-touch e si rivolgerà ad un mercato di fascia alta come quello di Apple iPhone OS o dei telefoni Google Android. L’azienda promette che il multi-touch sarà una funzionalità centrale in Windows Mobile 7 e


Microsoft ha confermato in un’anteprima di Windows Mobile 6.5 che la versione 7 del suo sistema operativo mobile includerà il multi-touch e si rivolgerà ad un mercato di fascia alta come quello di Apple iPhone OS o dei telefoni Google Android. L’azienda promette che il multi-touch sarà una funzionalità centrale in Windows Mobile 7 e che molte delle caratteristiche dei telefoni concorrenti saranno riviste nell’ottica della nuova piattaforma Microsoft.

Allo stesso tempo, l’azienda ha ammesso di puntare alla fascia alta del mercato ed ha previsto esigenti specifiche hardware per i primi telefoni che verranno lanciati con il nuovo sistema operativo. Il portavoce ha definito “premium” la nuova versione ed ha confermato che in un primo momento co-esisterà con la recente 6.5. Mentre la versione 7 sarà installata su dispositivi di fascia alta, come il HTC Touch Diamond 2, la 6.5 sarà eventualmente installata su tutti quei dispositivi che non hanno specifiche tecniche insufficienti.

L’approccio di Redmond è drasticamente diverso da quello delle altre aziende. Apple, Google e Symbian distribuiscono la stessa versione del loro software a tutti i dispositivi introducendo, laddove necessario, piccole differenze, come l’assenza di certe applicazioni o funzionalità. Vedremo se questa tattica si rivelerà vincente o meno.

[Via The Inquirer]

Ti potrebbe interessare
Grossi cambiamenti in arrivo per .Mac?
Mac

Grossi cambiamenti in arrivo per .Mac?

Una serie di rumor interessanti stanno increspando la superficie di Internet ed insinuano la possibilità che .Mac, il pacchetto di servizi online marchiato Apple, stia per ricevere una serie di importanti aggiornamenti. Gli indizi parlano chiaro: forse, si vocifera, cambierà persino nome.A sostenerlo è il CEO di Coding Robots che, in un suo post, ha