Forbes: Apple dovrebbe lanciare 8 nuovi iPhone e chiudere Siri

Secondo l’analisi di Forbes, Apple dovrebbe lanciare 8 nuovi iPhone nel 2013, spendere miliardi in marketing e chiudere Siri. Una carrellata di consigli buoni e meno buoni.

A quanto pare, offrire consigli non richiesti ad Apple è diventata l’ultima moda nella Silicon Valley; lo ha fatto di recente John Sculley, l’uomo che da CEO stava per portarla al fallimento, e lo fanno da sempre economisti, esperti e utenti, legittimati dal possesso dell’iPhone o dallo sticker a forma di mela sul parafango. Oggi, però, Forbes ha fatto di più: ha stilato una corposa lista con cui, tra le altre cose, consiglia a Cupertino di lanciare 8 nuovi iPhone nel 2013, spendere miliardi in pubblicità e chiudere definitivamente Siri.

Alcuni dei consigli sono piuttosto tecnici, altri semplicemente dettati dal comune buon senso; altri ancora paiono perfino fuori luogo se non totalmente inutili. A dire della nota testata, Apple dovrebbe ad esempio fare tutto il possibile per mantenere i margini operativi al di sopra del 44%, e per riportare la produzione negli USA come avvenuto col Mac Pro. E fin qui niente di strano. Un po’ meno comprensibili le dritte su Google (“Non fornite una brutta esperienza eliminando Google Search, Mappe e YouTube; al contempo, non rafforzate Google lasciandole virtualmente tutte le entrate delle ricerche mobili.” Cosa già fatta con le mappe e le app Google su App Store), sul passo da tenere (“Muovetevi velocemente ma non correte”) o sulla Cina (Muovetevi più velocemente in Cina, ma fatelo guadagnando soldi”).

Qui di seguito, invece, trovate una selezione degli elementi più interessanti -o curiosi- dell’articolo. È opinione dell’autore che Apple dovrebbe:

  • Lanciare 8 nuovi modelli di iPhone nel 2013
  • Spendere miliardi di dollari in marketing come fa Samsung
  • Ottenere più utenti iOS nei mercati emergenti ma senza creare un iPhone low cost, così da non far soffrire i margini
  • Chiudere Siri, perché “tanto non funziona mai”
  • Mettere a bilancio i 137 miliardi di dollari cash contenuti nei suoi forzieri, na senza disperderli in acquisizioni inutili
  • Riassumere Scott Forstall, e lasciare al suo posto Bob Mansfield ancora per un po’
  • Lanciare iTV immediatamente, evitando di fare un altro flop come quello delle mappe

Se dovessimo azzardare, l’impressione è che, dal giorno della morte di Steve Jobs, tutti si stiano sperticando in consigli accorati e strategie appassionate, la maggior parte delle quali poco convincenti. Voi che ne pensate? A Cupertino hanno sul serio di che preoccuparsi oppure debbono semplicemente continuare a fare quel che gli riesce meglio, noncuranti delle fluttuazioni isteriche del mercato? Fatecelo sapere nei commenti, sul nostro canale Twitter e sulla nostra pagina Facebook.

Ti potrebbe interessare
Mailplane 2.1 ora supporta anche Gmail Offline
Software Apple

Mailplane 2.1 ora supporta anche Gmail Offline

È disponibile la nuova versione 2.1 Beta di Mailplane, applicazione che porta Gmail sul desktop senza rinunciare alle funzioni che rendono il servizio tanto comodo.Tra le caratteristiche di MailPlane vi sono: la possibilità di allegare i file con il drag and drop l’esportazione diretta delle foto da iPhoto sulle mail la memorizzazione delle password con

iTunes: 100 milioni di download in Europa, e un concorso
iTunes Store

iTunes: 100 milioni di download in Europa, e un concorso

Nel mese di luglio abbiamo assistito al concorso (mondiale) per lo scaricamento del 500milionesimo brano da iTunes Music Store. Adesso il negozio online di musica in formato digitale sta per tagliareun nuovo traguardo: il 100milionesimo download in Europa. E come festeggiare se non con un adeguato concorso?