DropCopy: condivisione facile tra mac su rete locale

Bonjour è la tecnologia targata Apple in grado di scovare e configurare automaticamente computer e dispositivi sulla rete locale, purché compatibili con tale protocollo. A questo proposito, DropCopy è un’applicazione che se ne avvale per rendere il trasferimento dei file e delle cartelle tra mac veloce e soprattutto automatico, senza dover inserire password né dare

Bonjour è la tecnologia targata Apple in grado di scovare e configurare automaticamente computer e dispositivi sulla rete locale, purché compatibili con tale protocollo. A questo proposito, DropCopy è un’applicazione che se ne avvale per rendere il trasferimento dei file e delle cartelle tra mac veloce e soprattutto automatico, senza dover inserire password né dare conferme.

Una volta eseguito su tutti i Mac nella Lan, il programma crea una sorta di buco nero su ogni scrivania. Sarà sufficiente trascinarci sopra il file da trasferire e rilasciarlo sul nome del computer desiderato.
A differenza di iChat, che talvolta crea problemi con files molto grandi e cartelle, DropCopy si comporta egregiamente e, se c’è necessità, esegue autonomamente la compressione prima dell’invio.

Gratuito per uso personale (fino a 3 postazioni su ogni network), supporta anche la condivisione della clipboard e di brevi messaggi di testo. Esiste, inoltre, già in versione beta per Leopard.

PEr maggiori informazioni, rimando a questa pagina.

Ti potrebbe interessare
Apple Digital Camera Raw Compatibility 2.4
iPhone

Apple Digital Camera Raw Compatibility 2.4

Tramite Aggiornamento Software è possibile scaricare Apple Digital Camera RAW Compatibility Update 2.4 che migliora la compatibilità dei file RAW tra iPhoto, Aperture 2 e le seguenti fotocamere digitali:– Canon EOS 5D Mark II – Canon PowerShot G10 – Pentax K2000/K-m – Leaf AFi-II 6 – Leaf AFi-II 7 – Leaf Aptus-II 6 – Leaf

La Norvegia risponde
iPhone

La Norvegia risponde

La lettera aperta di Steve Jobs, comparsa ieri sulle pagine internazionali del sito Apple, ha già suscitato le prime reazioni. Arriva dalla Norvegia, da cui era in un certo modo partito l’attacco a FairPlay, la prima risposta, in un comunicato del Norwegian Consumer Council.Le autorità norvegesi prendono atto del fatto che Apple non può decidere