Apple denunciata: su iPhone X e XS ci sono meno pixel di quelli dichiarati

Apple rischia una denuncia colossale. I pixel del display di iPhone X, iPhone XS e iPhone XR sono meno di quelli dichiarati: non tengono conto della famigerata Notch.


Laddove gli anglofoni vedono una "Notch" che cala sul display e che sottrae spazio, gli italiani spesso parlano di "cornetti" che puntano verso l'alto; dunque di due appendici del display, tutto spazio in più. Sarà per quello che Apple è stata trascinata in Tribunale negli USA e non qui da noi, con un'accusa che farà sollevare più d'un sopracciglio: il numero dei pixel e le dimensioni dichiarate del display dei nuovi iPhone non corrisponderebbe alla realtà.

Quando Apple descrive le dimensioni dei telefoni con Face ID, non terrebbe conto delle aree nere della cornice (che è più sottile ma comunque esiste) e dello spazio occupato dai sensori (la Notch, per l'appunto). E così, a ben vedere, un iPhone XS Max che viene pubblicizzato con un sontuoso schermo da 5.8 pollici, in realtà avrebbe dimensioni di 5.6875 pollici effettivi.

Ma c'è di peggio. A dire dei querelanti, iPhone X avrebbe una risoluzione molto inferiore a quella dichiarata di 2436x1125 pixel; ogni singolo pixel di questo dispositivo, infatti, non sarebbe costituito da 3 sub-pixel come credevamo, ma solo da due. Risultato: iPhone 8 avrebbe uno schermo complessivamente superiore ad iPhone X.

Il che cozza con le informazioni disponibili online. Da quel che sapevamo, in realtà, ogni pixel di iPhone X è costituito da 3 sub-pixel: uno blu, uno rosso e uno verde, tutti a forma di diamante. Lo avevamo visto con le scansioni al microscopio di DisplayMate e che potete ammirare qui di seguito.

Vedremo chi ha ragione e chi no, anche perché non ci dovrebbe volere molto a smontare certe tesi. Le 55 pagine di denuncia per ora sono state depositate al Tribunale della California del Nord, con la speranza di arrivare allo status di Class Action. Con quali esiti, lo scopriremo solo vivendo.

  • shares
  • Mail