TeenSafe, decine di migliaia di Apple ID violati

TeenSafe, un discutibile servizio di supervisione digitale che consente di monitorare le attività altrui su iPhone e Android, ha reso disponibili su Internet le credenziali Apple di decine di migliaia di utenti. Se li usavate, ora siete nei guai.

TeenSafe è un servizio online nato per seguire e proteggere la vita digitale dei propri figli; permette di leggere l’intera corrispondenza mail, SMS, iMessage, Kik, WhatsApp, di accedere alle chiamate effettuate, all’elenco delle app installate, alla Rubrica, alla cronologia di navigazione, e di visualizzare i luoghi frequentati.

Il problema è che, in questi giorni, gli identificativi unici (UDID) degli iPhone connessi al servizio, il nome utente e le password Apple collegate al dispositivo sono rimaste accessibili a chiunque e in chiaro. Si tratta di una violazione sesquipedale della sicurezza che riguarda decine di migliaia di utenti.

Se rientrate tra questi, modificate immediatamente la vostra password iCloud e quella dei vostri figli. E meno male che TeenSafe era un’app “sicura” di monitoraggio. Dalla società fanno sapere di “aver preso le misure necessarie per chiudere uno dei server al pubblico, e aver iniziato ad avvisare i clienti coinvolti,” ma intanto il danno è fatto.

Curiosi di capire come funzionasse il servizio, abbiamo indagato un po’ e abbiamo scoperto che non c’è nessuna tecnologia aliena, né app iOS da installare; semplicemente, c’è un software per Mac che di tanto in tanto effettua backup locali, legge i dati raccolti e li carica tutto online sui server TeenSafe. Cose che fanno decine di software anche gratuiti e che -a differenza di TeenSafe- non richiedono abbonamenti né caricano online i fatti vostri.

Dunque, lasciate perdere servizi del genere; potete effettuare lo stesso tipo di controlli parentali, lasciando in locale tutti i dati personali vostri e dei vostri figli, con applicazioni tipo iMazing di cui abbiamo parlato in diverse occasioni. Tutti gli sforzi di Apple volti a mantenere la vostra sicurezza sono nulli, se infilate nel telefono un cavallo di Troia.

Alternative ad iCloud: le stesse feature a costo zero
Ti potrebbe interessare
Yosion Apple Peel 520 trasforma l’iPod touch in un iPhone
iPod touch

Yosion Apple Peel 520 trasforma l’iPod touch in un iPhone

Che l’iPod touch sia grossomodo un iPhone epurato delle funzionalità telefoniche e GPS lo pensiamo un po’ tutti, ma un gingillo della Yosion’s potrebbe presto ammantare la frase di un nuovo significato. Grazie all’Apple Peel 520, infatti, dall’iPod touch potrebbe presto essere possibile ricevere ed effettuare comuni telefonate, a un costo tutto sommato ragionevole.Quanto a