Facebook prosciuga intenzionalmente le batterie dei nostri iPhone: scoppia il caso

Un ex dipendente di Meta lancia l'allarme: le app di Facebook consumano intenzionalmente le batterie degli smartphone. E c'è un motivo.
Un ex dipendente di Meta lancia l'allarme: le app di Facebook consumano intenzionalmente le batterie degli smartphone. E c'è un motivo.

Sono ormai diversi anni che Meta (costole comprese, tra cui Facebook e WhatsApp) attira più critiche che altro. Principalmente si parla di privacy, di dati personali ceduti al miglior offerente e così via. Se però oggi la creatura di Mark Zuckerberg è, nuovamente, al centro di una accesa discussione, è per un motivo diverso ma comunque… sgradevole.

Un ex dipendete di Meta (un data scientist, ad essere precisi) ha svelato che le applicazioni di Facebook possono deliberatamente mandare al tappeto le batterie sia degli iPhone che degli smartphone Android. Questo per studiare le conseguenze sulle prestazioni dell’app sui dispositivi con poca autonomia residua. A pagarne, ovviamente, sono gli utenti.

L’app di Facebook è nemica degli smartphone

Nel report del New York Post si legge che la feature (se così vogliamo definirla…) è stata utilizzata sugli smartphone degli utenti a loro insaputa e senza alcuna autorizzazione.

Facebook può segretamente scaricare le batterie degli smartphone. […] La pratica è nota come “negative testing” e viene applicata da quelle aziende che vogliono studiare le prestazioni delle loro app quando il dispositivo mobile è prossimo a spegnersi.

Batteria scarica - iPhone

George Hayward, il 33enne che ha preso posizione contro Meta, ha dichiarato di esser stato licenziato a novembre dello scorso anno proprio per essersi opposto alla pratica sopra indicata.

«Ho segnalato al mio manager che quella pratica avrebbe potuto danneggiare qualcuno, e mi ha risposto dicendo che era necessario per aiutare più persone».

Il data scientist si è opposto perché ritiene che il negative testing sia molto pericoloso. In un momento di assoluta necessità, potrebbe impedire ad una persona di utilizzare il proprio iPhone (o uno smartphone Android) per chiamare i soccorsi, rilevare un incidente o una caduta. Insomma, in gioco c’è la sicurezza del cliente finale.

L’avvocato di Hayward, infine, ritiene che tale pratica sia “chiaramente illegale”. Tu cosa ne pensi?

Immagine di copertina ©9to5mac

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti