Tanti auguri Apple: il Mac compie 35 anni

Sono passati esattamente 35 anni da quella serata del 1984 in cui il Mac emise il primo vagito digitale davanti al mondo. Tanti auguri Apple.

L'occasione era il consueto incontro con gli azionisti; il luogo, il Flint Center di Cupertino. C'era Steve Jobs che tirava fuori da un meccanismo a scomparsa il primo Mac della storia, piccolo e compatto, di fronte a un pubblico che scoppiò in fragorosi applausi.

Poi, dopo una rapida carrellata per mostrare la potenza di elaborazione, il Mac si mise a parlare, a sintetizzare in tempo reale un testo. Ed era qualcosa che nessuno aveva mai mostrato prima:

Ciao, Sono Macintosh. Si sta molto meglio fuori dalla scatola.
Abituato come sono ai discorsi pubblici, vorrei condividere con voi una massima che mi è venuta in mente la prima volta che ho incontrato un mainframe IBM: MAI FIDARSI DI UN COMPUTER CHE NON PUOI TENERE IN MANO!
Ovviamente, posso parlare, ma ora invece preferirei rilassarmi e ascoltare. Per cui, è con orgoglio inestinguibile che vorrei presentarvi un uomo che per me è stato come un padre... STEVE JOBS

Il pubblico a questo punto era in visibilio, anche perché due giorni prima era andato in onda il celeberrimo spot "1984", quello con la scena della distruzione dello schermo e lo slogan:

Il 24 gennaio Apple Computer introdurrà Macintosh. E vedrete perché il 1984 non sarà come “1984”.

E a quanto pare, il Mac ha saputo far breccia nel cuore e nel portafogli degli utenti, se oggi nel 2019 siamo ancora qui a celebrarlo. Tanti auguri Mac. A 35 anni non sei mai stato più bello, né tanto in forma,

  • shares
  • +1
  • Mail