Comex, avventura a Google dopo il fallimento presso Apple

Comex, il noto hacker iOS che Apple ha assunto e buttato fuori in tempi record, ora è finito a lavorare nientemeno che a Google. Anche se, ci tiene far sapere, non ha mai amato Android.

Ricordate Nicholas Allegra, alias Comex? È il geniale hacker cui dobbiamo ben due storici tool di jailbreak passati a miglior vita, vale a dire Spirit e Jailbreakme.com. Ma è anche lo stesso ragazzo che si è guadagnato uno stage presso Apple, rovinosamente terminato dopo che si era dimenticato di rispondere alla mail che gli chiedeva di entrare in pianta stabile tra le falangi di Cupertino. E sappiamo bene quanto tengano a certe cose ad Infinite Loop.

E ora, dopo l’esperienza presso Brown, Comex lavorerà a Mountain View (qui il tweet in cui l’annuncia) per uno dei più acerrimi nemici della mela. Ci si aspetterebbe almeno un po’ slancio e ed entusiasmo per la notizia, ma l’unico sentimento che trapela è il disgusto per Android. Un altro bel biglietto da visita, non c’è che dire:

Ha aggiunto su Twitter che non lavorerà su Android, un Sistema Operativo che non gli “è mai andato sufficientemente a genio per volerlo modificare.”

Peccato che il ragazzo abbia le idee tanto poco chiare, come d’altronde è tipico a questa età, perché le intuizioni e il buon gusto dimostrati con Jailbreakme.com sfidavano per eleganza e potenza gli stessi prodotti e servizi Apple. Una volta, parlando della propria bravura nel trovare le falle da impiegare per il jailbreak, spiegò a Forbes che è un po’ come “dare una controllata al tema d’italiano. Semplicemente si legge il tutto, e si ricercano gli errori. Ma non saprei dire,” ha confessato in quell’occasione, “come mai mi risulti tanto facile.”

Ti potrebbe interessare
HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€
iPhone

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€

Lungi da noi appoggiare Windows, ma diciamoci la verità: talvolta si ha bisogno di un altro computer di supporto leggero e compatto da utilizzare per navigazione, scrittura e posta elettronica; qualcosa da affiancare al glorioso Mac, ma che non costi così tanto. E questa è l’occasione per portarsi a casa un discreto prodotto, dal design