App Store, niente emoticon e caratteri speciali nelle descrizioni delle app

Alcuni sviluppatori hanno scoperto in queste ore che il proprio account iTunes Connect non consente più di inviare testo su App Store che contenga al suo interno emoticon, icone colorate o caratteri speciali.

Fateci caso. Da qualche tempo a questa parte su App Store alcune app -e mica sempre quelle degli sviluppatori minori o indipendenti- sfoggiavano pagine piene di simboli, icone, faccine sorridenti e tante altre amenità. Un modo come un altro per tentare di strappare un po’ di visibilità in più in un catalogo che oramai ha superato abbondantemente i 700.000 titoli a disposizione.

Il fatto è che un simile approccio, benché giustificato dal punto di vista del marketing più spicciolo, crea a lungo andare una sensazione di caos visivo che risulta poco professionale e che soprattutto mal si confà allo stile della mela.

Ecco perché da Cupertino giungono fulmini e saette; d’ora in avanti, gli sviluppatori potranno allegare alla propria app e agli aggiornamenti esclusivamente descrizioni in testo semplice. La notizia l’avevano data per primi quelli di TapeACall ad AppleInsider, ma la cosa è oramai praticamente confermata.

Questo significa che Google, ad esempio, non potrà più avvalersi dei segni di spunta (“✓”) per elencare le funzionalità di YouTube per iOS, e gli altri dovranno bene o male seguire tutti a ruota poco dopo. Il nuovo sistema, entrato in vigore lo scorso 19 aprile, forse appiattirà un po’ l’App Store, ma di sicuro renderà l’esperienza utente più omogenea e compatta. Questione di punti di vista, in ogni caso.

Ti potrebbe interessare