Safari compie 10 anni

Melablog festeggia i 10 anni di Safari, browser Apple presentato da Steve Jobs il 7 gennaio 2003.

Oggi facciamo tanti auguri a Safari. Era infatti il 7 gennaio 2003 quando il browser di casa Apple veniva pubblicato per la prima volta come beta, presentato da Steve Jobs durante il MacWorld di San Francisco: al momento della sua introduzione ci fu ovviamente un plebiscito, come documentato nel video che troverete dopo il break.

Attualmente al 7,92% nelle statistiche globali d’uso secondo StatCounter, Safari si è ritagliato ovviamente una cospicua fetta proprio grazie alla sua inclusione in Mac OS X, oltre che su iPhone, iPad e iPod touch. Per quanto riguarda invece Windows, Safari è invece presente da qualche anno con la versione 5.1.7, anche se poi Apple ha deciso di non rendere disponibile Safari 6 per la piattaforma Microsoft.

Fino al 1997, i computer Macintosh di Apple erano immessi sul mercato con la sola presenza dei browser Netscape Navigator e Cyberdog, con l’inclusione di Internet Explorer come browser predefinito a partire da Mac OS 8.1. Finito l’accordo di 5 anni con Microsoft, Apple decise così di basare il suo browser su un fork del motore KHTML, conosciuto col nome di WebKit.

Per festeggiare l’evento, raccogliamo volentieri un aneddoto su Safari, raccontato qualche giorno fa da Don Melton, uno degli addetti ai lavori sulla creazione della prima versione del browser Apple. Solo pochi eletti erano a conoscenza dello sviluppo di questo software, e c’era l’esigenza di mantenere il segreto fino all’evento di presentazione: non una vera e propria segregazione come quella che negli anni successivi avrebbero conosciuto Jony Ive e il team di iPhone, ma comunque un qualcosa in grado di riuscire a tenere con successo Safari all’interno dei confini del campus Apple.

Tutti i passi dello sviluppo furono effettuati con estrema segretezza: dall’assunzione dello staff che l’avrebbe creato, al punto che in alcuni casi c’era chi non sapeva neanche a cosa stava realmente lavorando, fino soprattutto al testing del browser online. In un’era in cui Facebook e Twitter non esistevano ancora, e “nessuno in Apple erano così stupido da bloggare sul proprio lavoro”, la paura di Melton era principalmente costituita dai log dei server, in grado di catturare informazioni dai browser. Informazioni che Melton e i suoi volevano (e dovevano) mantenere segrete.

Tra queste, naturalmente, l’identificativo dello user agent e l’indirizzo IP dal quale arrivava la visita al server: l’intero team dovette quindi ingegnarsi per nascondere le informazioni visualizzate dai server, soprattutto quando effettuava il test dal campus Apple. La stringa reale dello user agent fu poi attivata in modo automatico all’interno di Safari proprio nella giornata del 7 gennaio 2003, quando Steve Jobs presentò al mondo la sua nuova creatura. Che oggi compie 10 anni, e alla quale noi di Melablog facciamo i nostri migliori auguri!

Via | Tuaw.com

Ti potrebbe interessare
Un aggiornamento per risolvere il bug dell’allarme di iOS
iPhone Software Apple

Un aggiornamento per risolvere il bug dell’allarme di iOS

Gli utenti Apple dell’emisfero australe boreale hanno avuto alcuni bruschi risvegli ultimamente. L’app della sveglia dell’iPhone e dell’iPod touch ha iniziato a suonare un’ora prima in alcune regioni del continente australiano e in Tasmania, a causa di un bug del programma che non ha effettuato il cambiamento orario quando l’ora solare è entrata in vigore,

Niente tethering per i clienti Mobile Internet di Vodafone
iPhone 3GS

Niente tethering per i clienti Mobile Internet di Vodafone

Una delle maggiori novità che iPhone 3.0 porterà con sé è la possibilità di utilizzare la connessione del dispositivo come modem, ovvero il tethering. La scorsa settimana il carrier inglese ha modificato il nome del proprio pacchetto dati per utenti iPhone da “iPhone Pack” a “Mobile Internet”, ma questo cambiamento ha portato con sé una

MWSF: Il keynote disponibile su iTunes
Eventi Apple iTunes Store

MWSF: Il keynote disponibile su iTunes

Dopo averlo reso disponibile in streaming, ora Apple ha pubblicato il video integrale del keynote di Steve Jobs anche su iTunes Store. Distribuito in forma di Podcast, si tratta un download piuttosto corposo, pesando quasi 900Mb.Questo il link diretto per iTunes Store.[Grazie ad Ennio per la segnalazione]

Apple riconosce il bug degli iMac congelati
iMac Mac Software Apple

Apple riconosce il bug degli iMac congelati

Anche a seguito del risalto dato da molti blog al problema di “congelamento” di alcuni iMac, Apple ha finalmente dichiarato a Macworld di essere a conoscenza del bug, che proverà a risolvere nel minor tempo possibile.Secondo Apple questo congelamento dell’interfaccia riguarda un numero ristretto di iMac. Al momento si sta identificando con precisione la radice