Benvenuto iPhone 5! Code in tutto il mondo

L’iPhone 5 ha fatto finalmente il suo debutto in alcuni paesi del mondo. E spesso si registrano code anche di 300 metri, se non di più.

Parliamo di

Come ampiamente anticipato su questa pagina, oggi negli Stati Uniti, in Australia, Canada, Francia, Germania, Hong Kong, Giappone, Singapore e nel Regno Unito è il giorno dell’iPhone 5. E come da copione, si sono formate code davanti a tutti i principali Apple Store.

Basta fare un salto qua e là sulla rete per scovare foto, indiscrezioni e dati sulla frenesia che si sta consumando in queste ore davanti davanti i punti vendita con la mela. Le immagini pubblicate da Mac-TV.de dimostrano che a Francoforte c’è già la ressa, ma è una situazione comune a molte altre città. USA Today scrive ad esempio:

I bramosi acquirenti hanno formato delle lunge code davanti gli Apple Store di Australia e Giappone. A HongKong, i clienti hanno dovuto prima prenotare online la possibilità di effettuare il pick-up del dispositivo per oggi. I primi clienti sono stati salutati dallo staff con acclamazioni, battito di mani e cori “iPhone 5! iPhone 5!” E, accompagnandoli alla porta, gli davano pure il cinque.

Basta poi fare un salto su Instagram per scoprire il volto del primo utente al mondo a mettere le mani su un iPhone 5, che però è lì per ragioni di lavoro. Tant’è che in una mano tiene il telefono e nell’altra pubblicizza un sito di comparazioni online.

Su Twitter, poi, scopriamo che fino a poche ore fa la fila a Sidney si arrotolava lungo tre lati dell’edificio, superando i 200-300 metri di lunghezza. Per fare il filmato, Sean Gardner ha dovuto camminare col telefono in pugno per ben 2 minuti e 15 secondi:

Gli scatti su Szifon, invece, mostrano ragazzi accampati dentro e fuori un centro commerciale mentre attendono che l’Apple Store apra e li serva nell’ordine in cui sono arrivati. Notate la gente coi sacchi a pelo: che cosa non si fa per l’ultimo gingillo della mela.

Ti potrebbe interessare
Contrordine: niente Beatles su iTunes, almeno per il momento
iTunes Store

Contrordine: niente Beatles su iTunes, almeno per il momento

Apple smentisce le voci di questi giorni per un possibile accordo commerciale raggiunto per la distribuzione della discografia dei Beatles tramite iTunes Store, etichettandole come “unsubstantiated speculation“, ovvero speculazioni prive di ogni fondamento.Il “polverone” è stato alzato dalle precedenti dichiarazioni rilasciate a novembre dell’anno scorso, nelle quali Sir Paul McCartney era fiducioso nella fine della

Vendite di iMac Intel sotto le aspettative?
iMac Mac

Vendite di iMac Intel sotto le aspettative?

Secondo le fonti di Think Secret gli iMac Intel starebbero vendendo al di sotto delle aspettative di Apple. Sotto accusa una campagna tutta basata sui benchmark, non tanto gratificanti quanto la Mela vorrebbe. Ma la vera causa di questo debutto tiepido sarebbe soprattutto la carenza attuale di alcune applicazioni in Universal. Aziende come Microsoft e