My Dream Application: i vincitori

Poche ore fa si è conclusa la stimolante e interessante sfida lanciata da Apple: My Dream Application. I concorrenti erano appassionati di programmazione, professionisti o semplici geeks con in testa una loro idea; essi hanno cercato di realizzarla attraverso le loro conoscenze informatiche e l’hanno sottoposta al giudice più severo, imparziale di sempre: gli utenti


Poche ore fa si è conclusa la stimolante e interessante sfida lanciata da Apple: My Dream Application. I concorrenti erano appassionati di programmazione, professionisti o semplici geeks con in testa una loro idea; essi hanno cercato di realizzarla attraverso le loro conoscenze informatiche e l’hanno sottoposta al giudice più severo, imparziale di sempre: gli utenti Apple. Il premio in palio è la realizzazione concreta della propria applicazione da parte dello staff di Cupertino.

I finalisti di questo bel contest sono stati ben 24 e, chi più chi meno, hanno ricevuto “piccoli” premi per essere giunti sino alla finale (si parla di iPod) e di Mac-Mini per tre interessanti progetti runner-up. Per quanto riguarda i vincitori, invece, i giudici (Kevin Rose di Digg, Guy Kawasaky, David Pogue, Steve Wozniak, su tutti) hanno deciso di fornire un contratto di collaborazione tecnica per la realizzazione della applicazione vincitrice, in formato shareware, e il 15% delle royalties a vita retribuite (mica male direi!).
Questi i nomi dei vincitori:

3° Classificato: Michael Yuan, Cookbook, 6109 voti (17.88%)
2° Classificato: Farzad Sadjadi, Portal, 6122 voti (17.92%)
1° Classificato: Cameron Westland, Atmosphere, 6566 voti (19.22%)

Qualcuno di voi ha votato? Io avevo votato Farzad…

Ti potrebbe interessare
HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€
iPhone

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€

Lungi da noi appoggiare Windows, ma diciamoci la verità: talvolta si ha bisogno di un altro computer di supporto leggero e compatto da utilizzare per navigazione, scrittura e posta elettronica; qualcosa da affiancare al glorioso Mac, ma che non costi così tanto. E questa è l’occasione per portarsi a casa un discreto prodotto, dal design