Qualità dei video: se li stiri non funziona…

Quando Steve Jobs ha annunciato la vendita di film su iTunes Store Usa, ha anche immediatamente “trasformato” tutti i video precedentemente venduti nel formato 320×240 in video nel formato 640×480. A parte il fatto che chi ha acquistato il video nel formato precedente debba pagare nuovamente il video, se lo desidera di maggiore qualità, la


Quando Steve Jobs ha annunciato la vendita di film su iTunes Store Usa, ha anche immediatamente “trasformato” tutti i video precedentemente venduti nel formato 320×240 in video nel formato 640×480. A parte il fatto che chi ha acquistato il video nel formato precedente debba pagare nuovamente il video, se lo desidera di maggiore qualità, la cosa mi sembrava sospetta. Cambiare tutti i video in tempo zero, visto che l’encoding di quelli musicali è a carico delle etichette discografiche tramite iTunes Producer, è uno sforzo non da poco.

Ed Engadget che ti scopre? Che alcuni dei “nuovi” video non sono altro che versioni resampled dei video nel formato precedente, con risultati a volte orribili. Su iPod non si nota nulla (viste le dimensioni dello schermo), ma sui display del computer sì. Non tutti i video sono stati reinseriti in questo modo, e alcuni pensano si possa trattare di errori di percorso. Ad esempio i video di Madonna sono stati realizzati male e quelli di Anastacia bene, ma un comportamento del genere credo sia inammissibile. Speriamo che, prima di un ipotetico lancio qui in Italia, la cosa sia sistemata, e che le etichette possano imparare un maggiore rispetto per il cliente. E visto che l’errore non è stato fatto con i video di Casadei, forse Apple avrebbe anche potuto\dovuto accorgersene. Questa, ovviamente, rimane la mia opinione.

Ti potrebbe interessare