QR code per la pagina originale

Foxconn: rivolta allo stabilimento di Chengdu

Centinaia di dipendenti Foxconn avrebbero scatenato una rivolta nello stabilimento di Chengdu: leggi i dettagli su Melablog.

,

Una rivolta in piena regola, con circa 1.000 lavoratori coinvolti: è quello che sarebbe avvenuto a inizio settimana nello stabilimento Foxconn di Chengdu, città del sudovest della Cina. A quanto pare, il tutto sarebbe partito dal dormitorio maschile della fabbrica, dove le guardie di sicurezza sarebbero intervenute per fermare un ladro: le stesse guardie sarebbero però state aggredite da alcuni lavoratori prima che la situazione degenerasse ulteriormente.

Circa 1.000 dipendenti come già detto avrebbero messo sottosopra lo stabilimento, scaraventando sedie, bottiglie e altro materiale, e distruggendo alcune strutture pubbliche. La ragione della rivolta risiederebbe nelle condizioni di lavoro degli operai della fabbrica Foxconn di Chengdu, che starebbero per subire tagli alle ore con interi giorni non pagati. La rivolta è andata avanti per circa due ore, mettendo ovviamente in disaccordo i vari organi d’informazione cinesi e la stessa polizia sulle sue dimensioni.

Ricordiamo che Foxconn produce vari componenti dei dispositivi venduti dalle più grandi società di tutto il mondo, inclusa naturalmente Apple: proprio nello stabilimento di Chengdu si lavora ai display degli iPhone. Quello di Chengdu, tra l’altro, è lo stesso dove nella scorsa primavera un’esplosione nella linea di produzione di iPad 2 uccise alcuni operai.

Via | Kotaku

Video:CyberPhone, l’iPhone 11 pro modificato col design del Teslatruck