Angry Birds, l’app da 106 milioni di dollari in un anno

Rovio incassa 106 milioni di dollari nel 2011 grazie a Angry Birds, Angri Birds Rio e Angry Birds Seasons. Il CEO Mikael Hed parla di come questi profitti sono stati re-investiti in ricerca e sviluppo e nella crescita della Rovio.



Nel 2011, Angry Birds ha generato 106,3 milioni di dollari di profitti ricavi per Rovio, lo dicono i resoconti finanziari della Rovio da poco pubblicati. Oltre ad essere una app di enorme successo, Angry Birds ha generato profitti nel 2011 sia dai suoi sequel che da tutto il merchandising legato al gioco. Questo ritorno monetario è stato investito dalla Rovio in nuovi progetti, come assicura Mikael Hed, CEO della compagnia:

La crescita dei profitti ricavi dimostra la popolarità di Angry Birds. Nel 2011 abbiamo investito fortemente in tutte le aree di mercato che possono portare al successo di prodotti futuri. La creatività e la concentrazione sono la chiave per assicurare un successo continuo; dobbiamo divertire i nostri milioni di fan sviluppando prodotti e servizi sempre innovativi. Siamo molto ottimisti sul 2012, dato l’ingente sforzo di investimenti su ricerca e sviluppo, promozione e difesa della marca ed infrastruttura corporativa.

Nel corso del 2011, Rovio ha tratto quindi vantaggio dai tre titoli disponibili sul mercato: Angry Birds, Angry Birds Seasons e Angry Birds Rio. Questi tre giochi hanno registrato 648 milioni di download e 200 milioni di utenti attivi al mese.

Dal 22 marzo 2012 è inoltre disponibile sull’App Store la variante spaziale del gioco, intitolata Angry Birds Space in cui gli uccellini distruggono barriere a gravità zero in una nuova galassia raggiunta attraverso una porta spazio-temporale. Angry Birds Space ha battuto ogni tipo di record, raggiungendo oltre 50 milioni di download in soli 35 giorni dal lancio. Un risultato che, date le parole di Mikael Hed, non fa che preannunciare nuovi impressionanti titoli per il 2012.

[Via BGR]

Ti potrebbe interessare
Kit gratuiti per i designer di app mobili
iPad iPhone

Kit gratuiti per i designer di app mobili

Una delle modalità più pratiche per la prototipazione rapida di un’interfaccia è, oltre all’ingegnoso Paper prototyping, l’utilizzo di software ad-hoc. Costruendo il layout della propria applicazione è possibile giungere presto ad una versione che consenta di valutare l’impatto di usabilità e gradevolezza estetica.L’uso di Photoshop come framework di prototipazione, sebbene riscuota un enorme successo nel