QR code per la pagina originale

Come riciclare il vecchio iPad in attesa del nuovo

Qualcuno ha raccolto gli usi semiseri che potremmo fare del vecchio iPad, in attesa che arrivi quello nuovo. O magari, come scusa per un pensionamento anticipato. Buon divertimento.

,


E’ inutile che neghiate: in seguito alla presentazione dell’iPad col Retina Display, in molti avranno senza dubbio iniziato a escogitare qualche scusa che renda al contempo indispensabile il nuovo modello e obsoleto quello acquistato l’anno scorso; è un classico. Sappiate però che il vecchio tablet ha ancora molto da offrire e il Web ci ricorda perché, con una raccolta di imperdibili suggerimenti semiseri . (Sappiamo che la cosa ha già qualche giorno di vita, ma è troppo simpatica per ometterla qui).

Ecco una selezione dei modi migliori per usare il vecchio iPad, in attesa di ricevere il nuovo. Buon divertimento:

  • Caricare un video di Youtube e darlo in pasto al cane come giocattolo da masticare. (Kevin Poulsen)
  • Per giocare a Freesbee di notte. (Michael Salvador)
  • Usatelo come tagliere da cucina di design. (Poulsen)
  • Utile come ipertrofico sottobicchiere. (John C. Abell)
  • Trasformatelo nel viso d’un robot autonomo. (Christina Bonnington)
  • Una targa interattiva con i livelli di rabbia da traffico, benzina, velocità, canzone in ascolto e rilevazione della qualità dell’aria in tempo reale. (Salvador)
  • Datelo ai vostri genitori e dite che è un iPad per anziani. (Caleb Garling)
  • Spegnetelo, appendetelo nella doccia e usatelo come specchio per radervi. (Poulsen)
  • Telecomando permanente per Apple TV ed iTunes. (Bonnington)
  • Tagliategli qualche pollice di schermo, caricateci sopra un Sistema Operativo inferiore e fate finta di essere Jeff Bezos (Cade Metz)
  • Caricateci sopra la foto d’un visto che dorme e attaccatelo al poggiatesta di una vettura autonoma. (Salvador)

Disclaimer: Melablog non si assume nessuna responsabilità per gli eventuali danni causati agli iPad o alle vetture autonome compromesse.

Photo | Ariel Zambelich/Wired