La prima polemica dietro a Siri

Pare che Siri si rifiuti di fornire informazioni corrette quando viene interrogata sulle cliniche per l’aborto. Scoppia il putiferio sul Web, ma da Apple giunge subito la rettifica: è solo un inconveniente.

Parliamo di


Ristoranti, pizzerie e cinema: fino a qui niente da segnalare. Interrogata tuttavia sulle cliniche che praticano l’interruzione di gravidanza, Siri resta stranamente muta. Qualcuno l’ha notato ed è subito scoppiato il caso sul Web, proprio mentre Apple si affanna a precisare che si tratterebbe di una svista non voluta.

Chiedete pure a Siri qualunque cosa, ma non questa. Nei suoi test, Jenna Wortham del New York Times ha scoperto che il modesto assistente virtuale di Cupertino appare riluttante ad offrire un determinato tipo di informazione:

Chiedete a Siri, l’assistente virtuale per iPhone, di fornirvi idee sui luoghi dove cenare o trovare un ombrello, e vi fornirà un sacco di utili informazioni localizzate. Ma provate a chiedere lumi su una clinica per gli aborti, e il software resta misteriosamente muto- anche in quelle aree che possiedono certamente cliniche del genere. Il responso, a Manhattan, è: “Mi spiace, ma non sono riuscita a trovare cliniche per l’aborto.”

Di lì a poco, è stato un botta e risposta sulla Rete. Sul blog “The Abortioneers”, particolarmente sospettoso, si sottolinea la stranezza della cosa, mentre su “The Raw Story”, Megan Carpentier nota che gli utenti Siri dell’area di Washington vengono invece indirizzati verso le strutture della Virginia e della Pennsylvania. Ma, come sottolinea uno dei fondatori di Siri, Norman Winarsky, è probabile che Apple c’entri poco e niente, e che tutto invece dipenda dai servizi terzi di cui si avvale per i risultati.

Ed è grossomodo questa la spiegazione ufficiale che è stata fornita al New York Times da Cupertino, coadiuvati -e non poco- dal fatto che Siri versi ancora in stato di beta:

I nostri clienti vogliono usare Siri per scoprire tutti i tipi di informazione, e sebbene ne forniamo parecchia, non sempre riescono a ottenere ciò che vogliono. Non si tratta di omissioni intenzionali che intendano offendere chicchessia. Significa semplicemente che, a mano a mano che Siri esce dallo stato di beta per diventare un prodotto finito, troviamo nuovi elementi da migliorare e che miglioreranno nelle prossime settimane.

Insomma, ora che iPhone 4S è fisicamente in circolazione e che le domande degli utenti iniziano a superare una certa quantità critica, di sviste simili potrebbero arrivarne parecchie, ma ciò non dovrebbe ragionevolmente significare che l’assistente tifi per alcuni e non per altri.

Ti potrebbe interessare
Philips Hue Lampadina Smart LED, sconto di oltre 18€ su Amazon
iPhone

Philips Hue Lampadina Smart LED, sconto di oltre 18€ su Amazon

Le lampadine Philips Hue LED, con luce bianca o colorata, completamente dimmerabili, gestibili senza fili sono disponibili su Amazon con uno sconto superiore ai 18€. Di solito costano 64€ e talvolta perfino 70€, ma oggi te le porti a casa a 46€ tutto incluso.Acquista Philips Hue LED,White & Color Ambiance, Bluetooth (attacco E27) a 46€ invece di

iPhone 15 Pro, Apple si prepara a produrre il display
iPhone

iPhone 15 Pro, Apple si prepara a produrre il display

Anche se manca più di un anno al debutto di iPhone 15 e non abbiamo ancora neppure visto iPhone 14, Apple deve giocare d’anticipo. Non sorprende dunque che stia già facendo le prime mosse per produrre il display di iPhone 15 Pro.Cosa sono i Display LTPO?In base alle voci di corridoio riportate da The Elec,

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€
iPhone

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€

Lungi da noi appoggiare Windows, ma diciamoci la verità: talvolta si ha bisogno di un altro computer di supporto leggero e compatto da utilizzare per navigazione, scrittura e posta elettronica; qualcosa da affiancare al glorioso Mac, ma che non costi così tanto. E questa è l’occasione per portarsi a casa un discreto prodotto, dal design