iPhone 6s avrà un display 3D senza occhiali

La prossima generazione di iPhone -iPhone 6s, secondo i nostri calcoli- avrà un display molto diverso da quelli attuali: sarà tridimensionale, ma non avrà bisogno di occhiali.

Parliamo di


È da tempo che Apple lavora ad un display 3D per i suoi dispositivi mobili. Si parlava di questa possibilità già nel 2011, in occasione del debutto dell’iPad di terza generazione, ma ora all’orizzonte si prospetta molto di più. Non solo iPhone ma anche iOS farà un salto nella terza dimensione.

Secondo le fonti dell’Economic Daily News di Taiwan, Apple si sta preparando per introdurre un display tridimensionale senza occhiali sull’iPhone in arrivo l’anno prossimo. E non sarà una feature a sé stante, scevra di significato; per l’occasione Cupertino creerà un intero “ecosistema hardware e software 3D.”

D’altro canto, sottolinea il quotidiano, dall’iPhone 5 in poi viene impiegato un tipo di schermo estremamente compatto che sarebbe impossibile adattare allo scopo; questo implica dunque che la mela sarà costretta a cambiare completamente tipologia di pannello LCD, ed ecco perché starebbe già lavorando gomito a gomito col produttore TPK per i primi prototipi.

L’affidabilità dell’Economic Daily News è buona ma non inappuntabile; ci hanno preso, ad esempio, vaticinando i tre differenti tagli e le date di rilascio di Apple Watch, ma hanno preso una cantonata quando hanno sostenuto che l’iPhone 6 Plus avrebbe detto addio al brand “iPhone.” Tra l’altro, sono gli stessi secondo cui Apple sta per abbandonare l’iPad mini in favore dell’iPad Pro.

Nei prossimi mesi, avremo certamente più elementi per capire se questa volta hanno ragione o meno; di sicuro, a Cupertino stanno esplorando da tempo le possibilità del 3D. Un paio di anni fa hanno assoldato legioni di ingegneri per mettere a punto un fantascientifico 3D stereoscopico su iOS capace di emulare la terza dimensione tracciando gli occhi dell’utente; ma ci sono anche molti brevetti sui display 3D e perfino gesti tridimensionali.

E in effetti un assaggio di tridimensionalità ce l’avete già oggi sui vostri dispositivi mobili. L’effetto di parallasse introdotto con iOS 7 che fa muovere lo sfondo in base alla posizione dell’iPhone o dell’iPad non è altro che il modesto frutto di queste ricerche. Il futuro, tuttavia, potrebbe risultare ben più rivoluzionario.

Scopri Poppy 3D, un economico accessorio che permette di scattare foto 3D con la fotocamera dell’iPhone

Ti potrebbe interessare
iOS 7, niente ritardi sulla tabella di marcia
WWDC

iOS 7, niente ritardi sulla tabella di marcia

Dopo il passaggio di mani da Forstall a Jonathan Ive, lo sviluppo di iOS 7 ha subìto una brusca virata verso un aspetto più sobrio, minimalista e moderno; e per raggiungere lo scopo nei tempi prestabiliti, gli ingegneri stanno lavorando giorno e notte. Ma c’è una buona notizia: non ci sono ritardi per il WWDC 2013.

Final Cut Pro X: prime sorprese
App Store Mac Pro

Final Cut Pro X: prime sorprese

Pochi minuti fa abbiamo annunciato il rilascio definitivo di Final Cut Pro X, Motion 5 e Compressor 4. A quanto pare il Mac App Store ha già cominciato ad evadere i primi acquisti, sebbene alcuni utenti non siano felici come altri.I possessori di Mac Pro di prima generazione con schede video ATI non potranno acquistare/installare/usare

La foto del Mac Netbook?
iPhone

La foto del Mac Netbook?

Cult of Mac ha pubblicato una foto di uno “strano” portatile con il logo Apple appoggiato ad un righello. Stando all’immagine, il computer non dovrebbe essere più lungo di 10 pollici. Da qui la domanda se questo è il tanto “rumoreggiato” NetBook Apple.Cult of Mac non aggiunge altri dettagli ed il sospetto che si possa

Blu Notte – Il caso dell’iPod rosa
iPhone

Blu Notte – Il caso dell’iPod rosa

Questa è una brutta storia, una storia nera di angoli bui e spazi angusti. Se fosse un libro sarebbe “Quiz per la stanza da bagno” di Nathan Haselbauer o “La vasca da bagno” di Giancarlo Tramutoli; se fosse un film sarebbe “Bagnomaria” di Giorgio Panariello o “Il gabinetto del dottor Caligari” di Robert Wiene.Ma è

Quark XPress 7 non è (ancora) Universal
Software Apple

Quark XPress 7 non è (ancora) Universal

Non solo Adobe si sta facendo attendere troppo per la release Universal dei suoi prodotti. Anche Quark ha ritardato la release del suo software di publishing professionale. Inaspettatamente, infatti, la versione 7 di Quark XPress, rilasciata recentemente, non girerà nativamente sui processori Intel, ma sarà emulata in Rosetta. Secondo AppleInsider la scelta sarebbe arrivata all’ultimo