iPhone 6, Wi-Fi 802.11ac, NFC e nuovo Touch ID ma niente Vetro Zaffiro

Nuovi rumors confermato le specifiche attese per iPhone 6, ma introducono elementi di novità: per esempio, pare che non ci sarà alcun rivestimento in Vetro Zaffiro.

Parliamo di


Secondo le fonti di VentureBeat, la prossima generazione di iPhone che Apple dovrebbe introdurre il 9 settembre avrà molte delle caratteristiche attese e perfino qualcuna che non ci aspettavamo. Si parla di un nuovo processore A8 da 2.0 GHz, di funzionalità NFC per i pagamenti in mobilità prodotto da NXP, e di un chip WiFi più veloce messo a punto da Broadcom.

Leggi anche: iPhone 6 presentazione il 9 settembre

Il Touch ID, che sembrava destinato a restare immutato, riceverà invece piccoli aggiustamenti tecnici volti a migliorare i tempi di lettura, ridurre i falsi negativi e migliorare al contempo la sicurezza dei pagamenti elettronici. Ma la vera notizia è che, nonostante gli sforzi e tanto tira e molla, non ci sarà alcun rivestimento in Vetro Zaffiro neppure nell’iPhone 6 di punta:

Abbiamo sentito inoltre dei rumors secondo cui gli schermi saranno fatti di Vetro Zaffiro ultra resistente. La nostra fonte afferma che gli schermi sono fatti di un materiale estremamente duro che è leggermente più resistente del Gorilla Glass ma non ai livelli dello Zaffiro. Questa visione conferma un video comparso in precedenza che mostra uno schermo di iPhone 6 più resistente dei modelli precedenti ma più morbido rispetto al Cristallo Zaffiro.

Una posizione piuttosto discutibile, visto che proprio in queste ore gli impianti di Vetro Zaffiro in Arizona di Apple e GT stanno mettendo a punto la produzione di massa. Ed è francamente impensabile che tutto quel materiale sia destinato esclusivamente ai piccoli schermi di iWatch. Tra l’altro, fino ad oggi si era sempre parlato dell’inclusione di un display in Cristallo Zaffiro o di un vetro laminato in Zaffiro quantomeno sul modello da 5,5″ di iPhone 6, che per questa ragione sarebbe giunta sul mercato più tardi rispetto al taglio più piccolo. E l’ipotesi che GT non ce la faccia a stare dietro agli ordini per il momento appare poco plausibile: è stato lo stesso CEO della società a garantire di poter raggiungere gli scopi concordati con la mela nei tempi previsti. “Stiamo iniziando la transizione verso la produzione in volumi,” ha dichiarato solo pochi giorni fa, aggiungendo che “siamo certi del potenziale a lungo termine del business dei materiali in Vetro Zaffiro per GT.”

Infine, pare che Apple si stia trastullando con un tipo speciale di connettività tra l’iPhone e le cuffie Beats attraverso il connettore Lightning. Un’ipotesi tutt’altro che peregrina, soprattutto ora che esistono delle apposite specifiche MFi per cavi Lightning.

La nostra fonte ha aggiunto che Apple sta testando qualche tecnologia che permettere una speciale procedura di riconoscimento tra gli iPhone e le cuffie Beats. In pratica, la cosa consiste in chip in grado di autenticare le cuffie su iPhone utilizzando un connettore Lightning. Se e quando tale feature si materializzerà, tuttavia, non è dato sapere.

Sebbene VentureBeat sia considerata una fonte molto affidabile (in passato ci ha azzeccato in diverse occasioni critiche), è lei stessa a sottolineare che non è una “lista di feature finale” e che le funzionalità definitive potrebbero subire variazioni last-minute. Ciononostante, è oramai evidente che il grosso delle aspettative non verrà deluso. Fiato sospeso ancora per un mesetto.

Leggi anche: iPhone 6, batteria molto più capiente per il modello da 4,7″

Ti potrebbe interessare
RIM dimostra che il BlackBerry PlayBook è più veloce dell’iPad
iPad

RIM dimostra che il BlackBerry PlayBook è più veloce dell’iPad

Ricorderete senz’altro la querelle tra Steve Jobs e Jim Balsillie, CEO di RIM, relativa ai tablet da 7 pollici, ritenuti dall’iCEO troppo piccoli per essere utilizzati con grandi applicazioni, a meno di non ricorrere alla carta vetrata per ridurre le dita degli utenti. Balsillie dal canto suo aveva risposto che anche i tablet da 7

Apple distribuisce ai developer iPhone SDK 3.1
iPhone 3G iPhone 3GS iPod touch

Apple distribuisce ai developer iPhone SDK 3.1

Non ci siamo ancora abituati alle novità di iPhone OS 3.0 e a Cupertino già si preparano all’uscita del prossimo aggiornamento: Apple, infatti, ha diffuso agli sviluppatori iscritti all’iPhone Developer Program la beta della iPhone SDK 3.1 (Build 7C97D).Con la SDK, ovviamente, arriva anche il nuovo firmware, iPhone OS 3.1, con alcune novità e migliormaenti,

Microsoft rilascia Remote Desktop Connection beta 3
Software Apple

Microsoft rilascia Remote Desktop Connection beta 3

Nella giornata di ieri Microsoft ha pubblicato una nuova beta di Remote Desktop Connection 2 per Mac, il client per controllare in remoto – comodamente dal proprio Mac – i Pc dotati di Windows 2000, XP Professional e Media Center, alcune versione di Vista, Windows Server 2003 e Windows Server 2008.La nuova versione fa sfoggio

Alky, convertire eseguibili Windows per Mac
Software Apple

Alky, convertire eseguibili Windows per Mac

Oggi Ossblog ha parlato di un progetto molto ambizioso, chiamato Alky. Cos’è Alky? Si tratta di un sistema per convertire i binari da codice eseguibile per Windows alle librerie Mac Os X e Linux. Il progetto è dedicato principalmente alla conversione automatizzata di videogiochi, e sul fronte Mac sembra già ad un livello avanzato. Alky