iPhone 6, il modello da 5,5″ costerà 100€ in più rispetto al 4,7″

La prossima generazione di iPhone in arrivo dopo l’estate sarà disponibile in due tagli, e tra di essi ci sarà esattamente 100€ di differenza.

Parliamo di

Ricapitoliamo. L’iPhone 6 sarà disponibile in due tagli, uno da 4,7″ e l’altro da 5,5″, e quest’ultimo sarà dotato delle più moderne tecnologie e soprattutto di materiali più resistenti, solo che arriverà più in là verso la fine dell’anno. L’idea è di abbandonare progressivamente il Gorilla Glass per passare al più costoso ma performante Vetro Zaffiro, ed è perfettamente logico che si dia inizio alla transizione coi modelli di punta; perché con quei price point, è più facile assorbire i costi iniziali.

La buona notizia è che gli impianti partner di Cupertino sono perfettamente in grado di produrre le quantità di Vetro Zaffiro necessarie per coprire non soltanto il fabbisogno dei nuovi iPhone ma perfino quelle del futuro iWatch, lo smartwatch di Apple con iOS, Siri e tutto il resto. La cattiva è che questo privilegio farà lievitare il prezzo del telefono per l’utente finale, e che nonostante ciò se ne venderanno molti milioni.

Leggi: iWatch e iPhone 6 tutti con vetro in zaffiro

In una nota agli investitori, Raymond James, analista per Tavis McCourt, sostiene che i prezzi dell’iPhone 6 di punta partiranno con un divario di 100$ rispetto agli entry level di pari capacità. E poiché di solito si assiste ad una conversione 1:1 tra Dollari ed Euro, è quasi certo che il modello da 5,5″ italiano costerà 100€ in più rispetto a quello da 4,7″. Ma l’aspetto più interessante, probabilmente, è che gli utenti saranno ben lieti di pagare di più per ottenere un dispositivo più grande:

“La nostra inchiesta di giugno sui consumatori certifica il crescente desiderio degli utenti iPhone di pagare 100$ in più per un iPhone con schermo maggiorato, e oramai un terzo dei partecipanti al sondaggio è ben lieto di sostenere quell’esborso” ha aggiunto.
Infatti, “i dati sembrano suggerire una richiesta significativa per uno schermo più grande, il che, a rigor di logica, dovrebbe significare che il ciclo dell’iPhone 6 godrà di ottime vendite soprattutto grazie a chi aggiorna da un modello vecchio; e se a questo aggiungiamo la modesta accelerazione causata dai dispositivi indossabili, è lecito aspettarsi una crescita dei ricavi nell’anno fiscale 2015.”

E fateci caso. Questa struttura di prezzi non è del tutto nuova: ricalca perfettamente quella stilata da Nomura Securities circa un mese fa. E dato che un iPhone 6 da 4,7″ dovrebbe costare grossomodo come un iPhone 5s senza contratto, è lecito attendersi un prezzo finale di 729€ per il modello da 16GB, e più di 800€ per il taglio da 5,5″.

Approfondisci: Prezzi iPhone 6, modello 4,5″ da 729€, modello 5,5″ a partire da 800€

D’altro canto, la faccenda del ciclo degli upgrade ha molto senso. Chi è fermo ai vecchi modelli di iPhone, di sicuro, in questi giorni sta facendo un pensierino all’aggiornamento, soprattutto se consideriamo che iOS 8 non supporta iPhone 4.

Leggi: i modelli di iPhone, iPad e iPod touch su cui potete installare iOS 8

E visto che c’è molto interesse nel mondo consumer per la maggiore estensione del display, è facile ipotizzare nuovi record di vendite nei prossimi mesi. Voi che ne pensate? È giunta l’ora di mettere mano al portafogli, o un iPhone 4 fermo ad iOS 6/iOS 7 può ancora svolgere egregiamente il suo lavoro (magari in tandem con un iPad di ultima generazione)?. Diteci cosa ne pensate rispondendo al nostro sondaggio.

[iframe width=”586″ height=”220″ src=”http://app.blogo.it/poll/13969″ frameborder=”0″]

Ti potrebbe interessare
AirPlay in licenza ai produttori di terze parti?
iPod touch

AirPlay in licenza ai produttori di terze parti?

Secondo le fonti di Bloomberg, nei piani di Apple c’è la volontà di rendere AirPlay una tassello ubiquo del mosaico digitale medio, con un’idea semplice ma efficace: la cessione in licenza della tecnologia ai produttori di terze parti.Televisori HD, cornici digitali, e chissà che diavolerie inventeranno: parliamo insomma di un’ulteriore espansione di Cupertino nel mondo

C’è totem e totem
iPhone

C’è totem e totem

Ricordate i totem informativi dedicati ad iPhone che Apple ha installato nei suoi flagship store e nei punti vendita AT&T? C’è un aneddoto divertente a riguardo. Uno di questi, in un negozio del carrier americano, è andato in crash e, nello stupore dei presenti, ha mostrato la schermata di avvio di Windows XP.La domanda da

Modificare l’antenna bluetooth integrata, copertura da record
iPhone

Modificare l’antenna bluetooth integrata, copertura da record

Mike Outmesguine spiega che sostituendo l’antenna integrata dell’adattatore Linksys USBBT100 con una più grande si riesce ad avere una raggio di copertura di un miglio… eh?! un miglio? si.Mike avverte che il procedimento da seguire, seppure semplice, annulla la garanzia del prodotto e che, anche se il raggio d’azione aumenta, l’ampiezza di banda rimane uguale…

Mac mini stereo
iPhone

Mac mini stereo

Bruutto?!Ne avevamo già parlato, non sarebbe una brutta idea avere a disposizione una dock station specifica per ogni contesto (discoteca, ufficio, casa, grafica, home cinema) e utilizzare Mac mini esclusivamente come cervello trasportabile.Sarebbe l’ennesima applicazione di un concetto teorico molto importante in informatica, la modularità.