Safari, un bug nelle vecchie versioni svela le password salvate

Attenzione alle vecchie versioni di Safari, perché rendono facilmente accessibili le vostre password.

Occhio alle vecchie versioni di Safari installate sui vostri Mac meno recenti, perché in un paio di build è stato scovato un bug che mette a rischio la vostra privacy svelando le password salvate. La causa del problema sta nella gestione della funzionalità “Riapri tutte le finestre dell’ultima sessione” che consente per l’appunto di riprendere la navigazione dove la si era lasciata prima della chiusura del browser, con tanto di dati di autenticazione. Lo ha rivelato Kaspersky:

Anche Safari per Mac OS, come molti altri browser contemporanei, può ripristinare la sessione precedente di navigazione. In altre parole, tutti i siti che erano aperti nella precedente sessione -anche quelli che richiedevano autorizzazione- possono essere ripristinati in pochi semplici passi non appena si avvia il browser. Comodo? Certo. Sicuro? Sfortunatamente no.

Il fatto è che né Safari 6.0.5 for OS X 10.8.5 (8536.30.1) né Safari 6.0.5 per OS X 10.7.5 (7536.30.1) crittografano queste informazioni; il che significa che basta aprire il file LastSession.plist e leggere le password in chiaro per mettere a repentaglio la propria identità digitale.

Con Safari 6.1, rilasciato assieme a OS X 10.9 Mavericks e disponibile anche per OS X 10.8 Mountain Lion e OS X 10.7 Lion, il problema non si pone più perché Apple vi ha posto rimedio. Ecco perché è fondamentale che mettiate mano adesso attraverso le funzionalità di aggiornamento del Mac App Store.

Ti potrebbe interessare
Il nuovo Chromebook di Samsung sembra un MacBook Air
MacBook Air

Il nuovo Chromebook di Samsung sembra un MacBook Air

Google e Samsung hanno presentato la nuova generazione di Chromebook, i netbook equipaggiati con il sistema operativo web-centrico Chrome OS, una particolare distribuzione di Linux che ha come unica interfaccia il celebre browser di Mountain View. Oltre alla semplice navigazione web il sistema operativo permette quindi di utilizzare tutte le applicazioni presenti nel Chrome Web

Open Tech è in vendita
iPhone

Open Tech è in vendita

Open Tech, l’azienda produttrice dei Mac “fai-da-te“, è adesso in vendita. La notizia arriva dalla stessa società che ha aggiunto un annuncio di vendita direttamente nella pagina principale del proprio sito.Per la cifra di 50.000$ (circa 35.000€), pagabili attraverso PayPal, si ottengono il marchio della società, il sito internet, i “segreti industriali” dell’azienda e la

Anti-iPod
iPhone

Anti-iPod

Sono passati 6 mesi, 6 mesi di melablog senza mai dare voce a chi di Apple e iPod non importa nulla… ma che peccato. Poniamo subito rimedio, dovendo bilanciare i 6 mesi di torti agli Anti iPeople, vi consiglio un bel giro turistico su anti-ipod.co.uk dove alcuni pazzi cercano di evangelizzare le masse con teorie