iOS 7, dopo due anni Siri non è più in Beta

Con iOS 7 Siri non è più un prodotto in Beta. Ci sono voluti due anni, ma Apple ha tolto di mezzo anche le FAQ. Ecco perché e cosa cambia.

Quando Siri fu lanciata, ben due anni fa, Apple prometteva meraviglie che vennero presto disattese. Inizialmente, la funzionalità era disponibile solo nella localizzazione inglese, francese e tedesca; possedeva una voce molto robotica, era lenta e farraginosa, e funzionava benino per alcuni tipo di quesiti molto specifici, ma molto meno bene con tutto il resto. In poco tempo, da prodigio della tecnologia (almeno così lasciava intuire il marketing di Cupertino) si era trasformata in un serio problema di immagine per la mela, tanto che alla fine è partita pure l’immancabile Class Action e la canzonatura negli Spot Microsoft. Ecco perché, ogni volta che Apple nominava Siri sul proprio sito, aggiungeva anche la dicitura “Beta.”

A cominciare dal 2011, il lavoro di rifinitura del software di comprensione sottostante è stato migliorato sempre più; nel 2012 è arrivato il supporto al giapponese, e molte altre lingue hanno fatto seguito poco dopo, compreso l’italiano. Ora, invece, con iOS 7 il salto di qualità è stato davvero palese. La nuova interfaccia risulta davvero molto elegante e piacevole da usare, anche se non si capisce per quale motivo toccando un punto qualsiasi dello schermo non si esce dalla modalità di controllo vocale; ogni volta, si rende necessario premere il pulsante Home, ma in fondo non è grave.

Ora Siri ha completamente cambiato voce; suona molto più naturale e soprattutto finalmente capisce la maggior parte di quel che diciamo con tassi di errore mai così bassi. Non vi nascondiamo che nei nostri test, in qualche caso, siamo rimasti addirittura sorpresi per i livelli raggiunti: parole come “logopedista” o “anacoluto” ora non rappresentano più un impasse, e soprattutto i tempi di risposta risultano accettabili. Diciamoci la verità: prima erano più le chiacchiere inutili che le informazioni.

E visto che Siri è finalmente al passo con Android, Apple ha deciso di rimuovere il cartellino “Beta” che per due anni le è rimasto affibbiato. La pagina del sito Apple dedicata ad iOS 7, infatti, ora recita semplicemente:

Siri.
Ogni tuo desiderio è un ordine.
Con Siri basta usare la voce per inviare messaggi, fissare riunioni, telefonare e fare molte altre cose. Fai una domanda parlando con naturalezza: Siri capisce cosa dici, sa cosa intendi, e soprattutto ti risponde. È così utile e facile da usare che finirà per diventarti indispensabile.

E già che c’era ha anche rimosso la pagina delle FAQ di Siri, disponibile ancora per poco su Google Cache. Evidentemente, a Cupertino hanno la sensazione che Siri sia oramai in grado di cavarsela da sola, e che non sia più necessaria una lunga spiegazione a parte.

Potrete presto provare anche voi quel che vi abbiamo raccontato il prossimo 18 settembre, quando verrà lanciato ufficialmente iOS 7. Esattamente due giorni prima del debutto di iPhone 5s ed iPhone 5c.

Ti potrebbe interessare
Philips Hue Lampadina Smart LED, sconto di oltre 18€ su Amazon
iPhone

Philips Hue Lampadina Smart LED, sconto di oltre 18€ su Amazon

Le lampadine Philips Hue LED, con luce bianca o colorata, completamente dimmerabili, gestibili senza fili sono disponibili su Amazon con uno sconto superiore ai 18€. Di solito costano 64€ e talvolta perfino 70€, ma oggi te le porti a casa a 46€ tutto incluso.Acquista Philips Hue LED,White & Color Ambiance, Bluetooth (attacco E27) a 46€ invece di

iPhone 15 Pro, Apple si prepara a produrre il display
iPhone

iPhone 15 Pro, Apple si prepara a produrre il display

Anche se manca più di un anno al debutto di iPhone 15 e non abbiamo ancora neppure visto iPhone 14, Apple deve giocare d’anticipo. Non sorprende dunque che stia già facendo le prime mosse per produrre il display di iPhone 15 Pro.Cosa sono i Display LTPO?In base alle voci di corridoio riportate da The Elec,

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€
iPhone

HeroBook Air, clone del MacBook Air in super offerta a 160€

Lungi da noi appoggiare Windows, ma diciamoci la verità: talvolta si ha bisogno di un altro computer di supporto leggero e compatto da utilizzare per navigazione, scrittura e posta elettronica; qualcosa da affiancare al glorioso Mac, ma che non costi così tanto. E questa è l’occasione per portarsi a casa un discreto prodotto, dal design