iPadOS 16, Stage Manager non convince: c'è chi chiede ad Apple di posticiparne il lancio

iPadOS 16 è stato posticipato ad ottobre proprio per colpa di Stage Manager, ma c'è chi chiede un ulteriore rinvio. Troppi problemi.
iPadOS 16 è stato posticipato ad ottobre proprio per colpa di Stage Manager, ma c'è chi chiede un ulteriore rinvio. Troppi problemi.

Dando uno sguardo all’elenco delle novità di iPadOS 16, sistema operativo presentato durante il keynote dell’ultima WWDC di Apple, appare fin da subito evidente che la punta di diamante sia Stage Manager, una modalità che dovrebbe aprire ad un più profondo multitasking sui tablet dell’azienda di Cupertino. Purtroppo, dopo l’entusiasmo iniziale, stanno fioccando critiche e richieste di un ulteriore rinvio.

Le osservazioni più interessanti sulla feature che ha già spinto Apple a posticipare il lancio di iPadOS 16 ad ottobre è l’italiano Federico Viticci, EiC di MacStories e tra le più autorevoli voci della community Apple. In un thread su Twitter, come fatto notare dai colleghi di MacRumors, Viticci sottolinea quanto Stage Manager sia instabile, difficile da utilizzare e abbia una interfaccia inficiata dai glitch. È vero che siamo ancora in un periodo di beta ma ottobre non è poi così lontano e la situazione sembra tutto fuorché rosea.

Se Stage Manager è il futuro di iPadOS per gli utenti professionisti, mi auguro che Apple si renda conto che non può essere così sbrigativo. Abbiamo aspettato anni per qualcosa del genere e possiamo aspettare anche la primavera del 2023.

Insomma, senza mezzi termini, Viticci (che in passato ha anche avuto l’occasione di intervistare Craig Federighi), suggerisce ad Apple di rinviare il lancio di Stage Manager perché, così come è ora, non può essere presentato.

Il gigante di Cupertino darà ascolto alla community di utenti? Lo scopriremo nelle prossime settimane, anche se un secondo rinvio – anche se di una sola feature – appare abbastanza improbabile.

Stage Manager è stata la risposta di Apple a tutti coloro che chiedevano di poter sfruttare al massimo delle sue potenzialità un dispositivo (l’iPad appunto) con un hardware di assoluto spessore, con un processore addirittura utilizzato sui Mac, l’M1. Purtroppo le cose non stanno andando nel verso giusto e la pioggia di critiche continua ad aumentare di intensità.

Ti consigliamo anche

Link copiato negli appunti